Introspezione numero 3 (solo un briciolo del suo amore)

22 Dicembre 2011
1 minuto di lettura

Ospiti oscuri si uniscono al solito demone!
Questi dalle profondità dell’animo sentenzia:
meriti solo un briciolo del suo amore!

O, mio mutevole sentire
quante strade hai percorso
per giungere all’indistruttibile nucleo di ghiaccio;
incerti questi passi
sul terriccio del nostro antico sentiero
stridono su ciò che scompare
sul volto tuo, amore.

Vivo il ricordo inerte
delle dolci notti
quando abbandonato sulla tua carne tremula
in attesa che il sole non tardasse oltre
mi rannicchiavo spaurito da visioni oniriche;
o, tenera nostalgia
vecchia canaglia
sapevo che presto o tardi saresti mutata
cospirando con colui che sentenzia
finchè ogni fibra del mio cuore
spezzato nella sua innocenza
non arrivasse a comprendere
il torpore assassino al quale l’ho condannato.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Consigli

Prossimo articolo

Niente

Le ultime da Frammenti Notturni

ieri

rabbia, odore, passione, freni, ubriaco, sincero, allegro, sociale, divertito, innamorato, sudato, puzza, rum, amici, gelosia, donne

Cambio

Piccolo stelo, ti strozzeranno prima o poi prima i vermi, poi gli uomini e non vedrai altro che lombrichi d’alluminio e libellule

Senza titolo

Accanto a te, solo con te Ancorato all’unica stella Che illumina la mia fragile mente E giunge dalle tenebre Orribili del mio

dentro la pancia

Sono giorni freddi, pause infinite odori che chiamano colori rifiuti spacciati per inviti lutti elaborati, per mille volte ancora e non c’è

NLX

Ordino alle mie ginocchia di incrociarsi ma loro lo fanno molto lentamente come le lancette di un orologio, l’aria profuma di fresco
TornaSu