introspezione numero 5 (bava di api operose)

2 minuti di lettura
Leggi

Altro
girandola sinusoidale di campanelli mentali
le navi ormeggiate
aspettano di essere chiamate al mare
da cori celesti interpretati da maghi senza stelle
abiti logori, virtù decantate ma scoperte nella loro misera essenza

uomo che racconti
libera la tua voce
lascia che le parole raggiungano il cielo
in alto, sempre più in là
oltre le stelle
fino a raggiungere il vuoto infinito

Me
ricco d’essenza povero in superficie
relitto d’un entità prolifica
per nulla interessata alla perfezione
al contrario mai sazia di carne umana
da digerire e poi cacare

donna che raccogli
ascolta quella voce
lasciati andare nella vuota inconsistenza di quell’essere
perchè in un buco nero
talvolta
brilla un turchese
perso in mille frammenti
strappati all’unità

Lacrime… oh, dolce e minuscolo fiume
riempitemi
perchè il sentiero è sicuro
e gli alberi al confine di ogni linea immaginaria
posano i loro rami sul mio capo
e come carezze mi accompagnano
lasciando che mi accorga di ogni cosa
del sorriso sfuggente di una lumaca su una pietra
della risata canzonatoria della zanzara che ha lasciato il suo pasto
ahi, ma cosa vuoi che sia, solo un fastidio temporaneo

Lascia che il mondo si muova
nel suo contorcersi senza tempo
e concentrati sulla crescita
alberi, erba, fiori, bestie
tutti insieme, tesi verso la vita
fuggono su diversi sentieri
l’inevitabile fine, talvolta inteso come principio

Prendimi
strappami l’anima e scrivi sulle tue tavole
il tempo è passato
ho detto tutto, ho detto quel che bastava
ciò che verrà adesso
sarà solo sabbia
inutile materia nel deserto di nullità
che copre quasi l’intero pianeta

Accoglimi
nella tua infinita luce
e lascia che splenda
come un cutilisci bagnato di lava
stanco di rotolare ad ogni passo d’uomo

Ecco… sento a gran voce i cori celesti:
puzzi di vino, morto è il tuo regno
procaci e fameliche sirene
hanno brindato alla tua corte
porgendo bava di api operose
spacciata per neve
sul tetto di un rifugio
nel congelatore di una casa da villeggiatura
dove essere è come apparire
nel ricordo indecifrabile del tuo tradimento.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

divagazione numero 4 (forma ideale d'Orione)

Prossimo articolo

21 Gennaio 2012

Le ultime da Frammenti Notturni

Default thumbnail

pensiero

lasciarla ancora è stato come non essere mai tornati insieme; eppure, aggiungo,