divagazione numero 7 (nulla di speciale)

Altrove è una matassa di budella annerite dall’aria
dove la strega gioca a scacchi coi cervelli dei porci
e le altalene pericolanti scaraventano i bimbi nel precipizio

Ciò che mangi è provocare
quel che bevi è contestare
lo fai quando hai fame
e così se hai sete,
lasciando maschi in trincea
e bambini nel vuoto inerte del nulla

Se alzo la mano è perchè voglio parlare
e quando posso dico solo
perchè sei così, mia contessa?
Il tuo cuore è forse ferito?
La tua anima è così inquieta?
Questa notte c’è il plenilunio
non vedo peli sulla tua faccia
ma dio mi fulmini se l’ho solo immaginato:
da sotto il tuo drink è sbucata fuori qualche zanna di troppo
e gli artigli ti hanno bucato i guanti .

Sei un mostro assassino
di quelli che cavalcano incubi mentali
spargendo finissima polvere di vetro…
vatti a mangiare un bambino, va
che di ciechi il mondo è pieno

Giovani arrabbiati, con qualche capello bianco di troppo
attraversano il fiume delle nostre domeniche al sale
sul mare mi metto a remare
e respiro la consapevolezza
di non aver scritto nulla di speciale

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Comunicazione numero 3 (MrMojitoRaff)

Prossimo articolo

Uridan

Le ultime da Frammenti Notturni

la tua poesia

ti guardo sei così bella quando gli occhi si illuminano alla luce delle parole ti invidio

funzionalità limitata

appeso, dritto sulle mie gambecontemplo il vetro opaco di una finestrache è rigata dalle lacrime del

1 Gennaio 1998

Non c’è una ragione precisa per la quale questo pomeriggio abbia scelto di confortarmi con un

La macchina

Luccica come un diamante al sole solo come un folle senza guida senza meta. E cresce