Default thumbnail

27 Novembre 1989 (lunedì) ore 23:35

3 minuti di lettura
Leggi

Non ho neppure voglia di raccontarti quello che è successo il 23, posso solamente dirti che Tiziana vuole essere lasciata in pace, almeno questo è quello che ha detto Carlo in mia e sua presenza. Che vergogna e che delusione il non sentire da lei alcuna parola di conforto, come fosse stata consenziente. Sdrammatizzando, come è mio solito, fra scherzi con Cip e risate varie, senza neanche salutarla sono andato a Casablanca per affittare delle videocassette per poi rinchiudermi in sala giochi. Arrivato a casa, dopo una litigata con la mamma, ho spaccato tutti gli armadi della mia stanza e rotto un vetro con la scusa della litigata; in realtà sentivo il bisogno di sfogare la collera che avevo dentro e che avrebbe potuto danneggiarmi se non l’avessi espulsa. Ho pianto per circa trenta secondi, il mio primo pianto serio, un pianto di dolore e rabbia, odiavo Carlo e tutti quelli che erano intervenuti alla festa; per la prima volta ho desiderato fortemente la compagnia di Salvo C. ***, e invece ero tutto solo con i miei ricordi. Salvo C., un vero amico… coglione che non sono altro, avrei dovuto parlargli, chiarire certe questioni rimaste in sospeso, ma non ne ho il coraggio, l’orgoglio mi frena; lui era l’unica persona con cui potessi parlare, con Saro e Andrea non è la stessa cosa, mi sono sfogato con loro perché non avevo nessuno con cui parlare, sono piccoli e non possono capire i miei problemi. Il mio desiderio di riavvicinarmi a tutta la comitiva si sta trasformando in utopia, non troverò altri amici come loro: anche se con tutti non avevo la confidenza che avevo con Salvo C., mi divertivo ugualmente. Questa estate mi sono divertito a non considerarli facendo finta di aver trovato una nuova comitiva. Vorrei che fossero qui, ora sono solo e tanto triste, anche se ha detta di molti si avrebbe difficoltà ad immaginarmi abbacchiato. Devo fuggire da questa vita e rifugiarmi altrove, sono stanco di legarmi alle persone e alle cose come se le ritenessi di mia proprietà, tutto ciò ha contribuito a farmi diventare loro proprietà e non viceversa. Vorrei, vorrei e vorrei… adesso basta! Ho bisogno di fuggire e dimenticare il desiderio, solo quando col mio Suzuky mi avventuro in strade di campagna abbandonate o mi reco ad esplorare delle grotte, sento la solitudine in maniera piacevole. La solitudine fa male quando resto in città a pensare e a ricordare dei bei momenti. Forse posso smettere di desiderare e ho intenzione di ripetere più volte l’esperienza della pagina scorsa; è stata la prima volta che ho provato piacere nel fuggire da me stesso: c’eravamo soltanto io e la natura.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Default thumbnail
Articolo precedente

21 Novembre 1989 (martedì) ore 11:00

Default thumbnail
Prossimo articolo

9 Dicembre 1989 (sabato) ore 1:35

Le ultime da Diario

Default thumbnail

La solitudine

Dopo la nottataccia di ieri avevo deciso, per questa sera, di fare