Last Night I Dreamt That …

29 Luglio 2003
1
1 minuto di lettura

Una piazza, gremita di persone, tutte di spalle. Ed io solo ad aspettare che qualcuno si avvicinasse, solo coi miei dannati ricordi (perchè non c’è niente di peggio dei ricordi quando si dichiara la fine di una storia) a pensare a quale strategemma potessi trovare per farne girare almeno uno.
D’un tratto mi si avvicina un bambino: neri capelli a caschetto e un’aria triste. Lo sto a guardare e lui guarda me, poi esclama: mi sento triste, mi sento solo, tutto quello che faccio non è mai abbastanza, non vado bene.
Sul momento credo di non avere alcuna risposta ma, come spesso accade nei sogni, le parole vengono fuori da sole e gli dico: non essere triste guarda quante persone ci sono qui intorno, non hai bisogno di fare niente per andare bene, sei ok per come sei e nulla più.
Il bambino sorride, mi guarda compiaciuto e si aggrega ad un gruppo di bambini che giocano più avanti.
Io lo sto a guardare e penso a me stesso, penso a quello che ho detto al bambino e penso al bambino dentro di me che da sempre mi fa queste domande; vedo una persona più avanti che mi osserva, mi avvicino, gli poso la mano sulla spalla e gli dico: bella giornata oggi vero?

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

UPDATED

Prossimo articolo

nel sorriso di un bambino

Le ultime da Diario

La mollica sul comignolo

A mia Nonna Ninetta Una mollica di pane è come una parola che prende corpo e concentra tutto il suo significato in

art vs mondo

Questa sera, dopo la telefonata di un amico, ho avuto una ulteriore conferma di una mia grande malattia, la sfiducia verso l’intelligenza

ah… l'età…

Uff… stamattina mi sono svegliato con un mal di testa insopportabile, colpa delle birre che ho bevuto ieri… katz, ancora non riesco
TornaSu