Default thumbnail

Sabato 17 Novembre 2001

5 minuti di lettura
Leggi

Il ritorno in città ha, con tutte le previsioni, portato ciò che temevo: nostalgia fortissima, ricordi ed un irrazionale e folle bisogno di tornare con lei. Ieri l’ho vista per la prima volta dopo quasi 3 settimane, la prima emozione è stata fortissima, da mancare l’aria, poi ho deciso di parlarle con la scusa di responsabilizzarla sul lavoro e lì un abbraccio forte e sincero ed un bacio, un improvviso calore sul mio corpo ed una gioia che avevo dimenticato, poi la disperazione: non stiamo più insieme. Abbiamo parlato anche nel pomeriggio uccidendoci con le parole, lei andando a ripescare episodi della mia adolescenza, episodi dei quali ho bruttissimi ricordi ma grazie ai quali ho trovato la forza di forgiare un sentimento interiore superiore a quello di tutti coloro che invece si divertivano a schernirmi… si è parlato di questo mio vedere tutto nero, si è accusata una mancanza di elasticità mentale, mi si è invitato a scendere tra i comuni mortali ma… ho chiesto io… e se l’elasticità mentale non venisse a mancare proprio a te e a tutto il popolo di lobotomizzati che uccide i propri pensieri con l’alcool e le droghe tutte le sere, se io non fossi proprio quel superuomo di cui parlava Nietscke  che si nasconde dagli uomini-bambini per evitare di essere preso in giro, insomma se fossi davvero quell’elemento talmente unico e diverso dalla massa folle e che, proprio per questa ragione e solo per questo motivo, è triste e malinconico.

E a questo punto mi sorge una riflessione: le volte in cui ho cercato di coinvolgere alcuni amici sui miei progetti si sprecano ormai, ho avuto sempre scarso appoggio e nessun incitamente da parte loro, solo Riccardo mi ha sempre comunicato entusiasmo appoggiandomi, ma Riccardo ha una diversa formazione mentale.

E Giulia, la mia dolce Giulia non ha capito davvero ciò che sono? Non gli sono bastati 3 anni insieme per capire che forse le persone sbagliate sono quelle con le quali si mischia nelle notti danzanti a basse di reggae, jungle e drum and bass… perchè anche lei ha questo bisogno di integrarsi nella massa, perchè solo io, eroicamente e con tutte le forze a disposizione, tento in ogni modo di recuperare le mie identità e contrapporle con forza alle migliaia di individui tutti uguali, tutti con gli stessi pensieri punk-rivoluzionari, tutti con le solite idee antiamericane e filocomuniste, tutti con niente in mano, solo tanta invidia e odio verso chi invece ha trovato una strada, per chi anzichè ubriacarsi e fottersi il cervello tutte le sere, ha studiato e si è impegnato per qualcosa, per chi anzichè scopare con la prima venuta, partorisce dal proprio cuore solo sentimenti d’amore genuini e puri.

Giulia mi ha deluso, mi ha ferito, mi ha fatto sentire diverso da lei e da tutti, eppure sento che qualcosa in lei ancora grida TI AMO verso di me, sento che la sua decisione di lasciarmi, di abbandonarmi sia stata dettata più dal bisogno di sganciarsi da una storia per la quale non vedeva futuro, che questa improvvisa esigenza di aggregazione dalla massa altro non gli serva ad altro che non per evitare di pensare a me ed ai nostri momenti.

Ed io? Cosa penso io… penso che debba finire anche se il mio cuore non lo vuole affatto… penso che debba concedermi la possibilità di affrontare una nuova solitudine per riscoprire i valori della mia creatività che con Giulia pian piano andava spegnendosi. Tutto mi fa soffrire, fortunatamente sto cercando con tutte le forze di sentire Dio accanto nei momenti di maggior dolore, e ci riesco. Vorrei solo che Egli mi infondesse un’esperienza capace di annullare tutti i dubbi della mia ragione aprendomi alla vera Fede che purtroppo non riesco ad avere.

Adesso non riesco a credere che possa essere del tutto finita, so che lei ha bisogno di vedermi, di abbracciarmi e di parlarmi… non riesco a credere che non si possa più stare insieme ma razionalmente devo accettarlo, perché tra noi è meglio che finisca per sempre.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Default thumbnail
Articolo precedente

Montella Sabato 10 Novembre

Default thumbnail
Prossimo articolo

Domenica 18 Novembre 2001

Le ultime da Diario