Frammenti

15 Giugno 1996
1 minuto di lettura

Ho dovuto dedicarti un’intera nottata
ho voluto dedicarti un pomeriggio alla scogliera
e ascoltavo il mare, chiudevo gli occhi
e ti trovavo di fronte a me, dolce come ti ho conosciuta.

Ho bisogno di guardarti negli occhi
solo così forse mi libererò!

Bella cosa l’ironia in certi casi…
Non posso rischiare di perdermi definitivamente nei suoi occhi,
non devo lasciare che mille trattori schiaccino i neuroni del mio cervello quando lei solo parla,
ma ancora glu glu nella mia testa
e scrac psc boom sempre nella mia testa.

Mi stai guardando, adesso non lo fai più
non devo raccogliere dei segni, voglio ogni cosa più che chiara
faccio fatica a puntare il gomito sul tavolo
e la mia scrittura non è decisamente lineare.
Sono solo, mi sento solo.

Esibizionista fallito, saltimbanco noioso
rudere d’uomo che non sei, scarto di fabbrica
mal riuscito, stronzo, idiota, stupido
stupido… stupido… stupido,
continua a perderti in parole
continua a recitare la parte dello schizzato
tutto sarà più facile così, non dovrai più sforzarti.

Bella cosa l’ironia in certi casi!

Cristina, dì a Sam di custodire il mio Spike
Coff coff… e tu Geltrude, stai attenta a Daniela, non fargli vedere mia figlia;
tu Luisa, mia dolce mogliettina… coff coff,
tu almeno risparmiami tutti i tuoi sguardi, le tue frasi, i tuoi gesti…
coff… coff; ahhhhhhh!

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Luisa

Prossimo articolo

Voglio ancora ascoltare il silenzio

Le ultime da Frammenti Notturni

ed accolgo il nuovo

coperto dalle spine perduto tra le rime guardo la strada innanzi a me ed accolgo il nuovo

21 Giugno

Avanti, poi a destra ancora avanti… a sinistra sempre dritto verso un’oscurità acida. Intorno a me angoscia e desolazione intorno a me

Morte

Sono notti come queste che mi chiedo perché esistere… perché non lasciarsi morire. In notti come queste ti fa visita un’ombra pericolosa,

Mi manchi

ti penso mi manchi sottili e feroci lame assediano il cuore sorrido mi manchi la luce si macchia di ombre paurose piango

pensiero

lasciarla ancora è stato come non essere mai tornati insieme; eppure, aggiungo, non ho memoria di momenti assolutamente perfetti condivisi solo con
TornaSu