Comunque verrà…

10 Settembre 1996
1 minuto di lettura

Dove volano i gabbiani il sole acceca
e l’oceano è blu, quasi sfida il cielo.
Tre campanili sfrecciano in alto
seguono la traiettoria del mio sguardo.

Sotto una cascata
il mio corpo, nudo
tendo le mani in alto
lancio un grido al mondo
ma odo solo l’assurda eco delle mie parole.

Non c’è una verità, non c’è mai stata
ogni nostra certezza è solo un’opinione
il mediatore di ogni attività di pensiero è il dubbio
tiranno incontrastato.

Vivo fra gli spettri di un’era
rimbalzo fra siepi di gomma
rigurgito fiori alla cannella
rotolo su prati di vermi.

Il sole sta spuntando dalle mie colline
l’alba della mia terra illumina il buio
gli uccelli riempiono l’aria dei loro canti
ogni creatura si desta dal suo sonno
il mio cuore si riscalda gonfio di malinconia
le pupille si restringono e riflettono il cerchio rosso
l’ultima stella sta dandomi l’addio
è tempo di gridare la propria gioia
è tempo di cantare per la vita.

Ma presto anche l’uomo si desta
svegliato dal frastuono della sua sveglia da comodino
e la magia ha termine
non si odono più canti di uccelli
e ogni suono è coperto dal grido di qualcuno che viene giù da una scogliera.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Ritorno

Prossimo articolo

Conseguenze drammatiche

Le ultime da Frammenti Notturni

Uridan

Uridan è stato l'acaro perfetto: mangiava la polvere e la notte dormiva con lei tenendola al riparo dai fratelli brutalmente affamati di

Ira

Io sono rabbia e furore cieco di flutti che spazzano ciottoli sul lido e di vento che spezza rami e foglie e

nella stanza dei sogni infranti

Roccia masticata dal vento si agita nel pozzo eterno della miseria e come fogli di giornale bruciano i giorni degli uomini spezzando sogni e

pensiero

E’ notte, la luna alta in cieloaccendo l’ultimo fuocolei mi viene incontroè innamorata, forse nomi bacia è notte,non riesco a vedere bene

di giorno, di notte

il giorno lavoro e non sento la notte scrivo e non dormo di giorno in giorno stanco piango e di notte tra
TornaSu