divagazione numero 1 (con la cuffia alle orecchie)

1 minuto di lettura
2

Un artista senza la sua arte
non è altro che un guscio
pari a quello di molti
ma con la memoria infausta
di ciò che un giorno è stato

Giungono i ribelli
assaltano basi e raffinerie per il gas
ogni giorno cerco di rallentare la loro corsa
ma l’uranio scarseggia
e gli uomini hanno lasciato la base

Il mondo con un leader sbagliato
è solo un brutto posto
ove si raccoglie gente insulsa
e gli ospiti sputano per terra

Parlare di amici
è parlare del passato
parlare d’amore
è proibito
giudice impietoso
abbatti la tua folgore
e lascia che questo corpo
tremi

Le urla degli uomini
stridono in questa città
sono cani che abbaiano
per la femmina in calore
ed intanto il vulcano
sparge la sua cenere nera ovunque
mentre con la cuffia alle orecchie
ricordi l’artista che eri.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

2 Commenti

  1. uhmmm…non mi convinci, mi fa incazzare da morire che tu non sia valutato quanto davvero vali, ma tu sei un artista, lo sei stato, lo sei, e lo sarai, e questo è indipendentemente da ciò che la gente, e sopratutto tu, pensa.
    Giustamente il riconoscimento e ciò che comporta è importante, ma tu sei e rimani un artista..cuffie o non cuffie tu lo sei, fattene una cazzo di ragione.-) ti voglio bene, come sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

The Wall: Another brick in the wall pt. 2

Prossimo articolo

Il pianeta verde (La belle verte)

Le ultime da Frammenti Notturni

Visioni

I Dentro la grotta Un sole anarchico Invadeva Quella linfa cupa Dai mille tentacoli incandescenti II

respiro

respiro un’altro ma quanti prima che passi respiro il tuo profumo e nel ricordo la pace

sogno

tempeste, orrore ovunque lo zoom si stringe sul viso urlante di una maschera senz’anima donne pazze