comunicazione numero 6 (deepness)

16 Agosto 2012
1 minuto di lettura

Se mi fermo sui tuoi occhi
intravedo altro
ma sono parole che non conosco
(i nostri sentimenti
rubini sepolti dalle frane del tempo)
eppure provo
ancora
e rischio d’innamorarmi
ancora
nel timore di rendermi patetico
davanti alle due stelle che un tempo sono state solo mie

Se guardo il sole
penso alla tua mente
l’ho osservata sorgere e tramontare
per centinaia di giorni
senza mai stancarmi
nel pensiero magico di farle conoscere la luna;
non so quale arcano mi spinga a lasciarmi ancora accecare dalla luce
quando finirei per essere soltanto
un altro problema del tuo mondo

Ho scavato con le mie mani stanche
sporcandomi le unghie di vuoti
sperando di raggiungere
il nocciolo duro di ogni delusione
ma non c’è fine alle profondità di un animo
ed invero mi sono svegliato un giorno
con le dita spezzate ed un pugno di stelle in mano

Temo ancora i tuoi rancori,
come allora
sono mura invalicabili
difese da strateghi di grande valore
ed inerte fisso le tue altezze
riconoscendomi quale il misero essere che sono
polvere d’uomo spazzata via dal vento della compassione.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

introspezione numero 10 (temazcal)

Prossimo articolo

A Santiago lungo il Cammino del Nord – Prologo

Le ultime da Frammenti Notturni

Dentro di me

Dentro di me c’è un non so che non so spiegare, c’è e non c’è o meglio, a volte lo sento a

Pensieri di Notte

Notte fragile Solo un colpo e un sibilo povero me povero me Il giorno si chiude nel buio si sono alzate le

Senso illogico

Amare la confusione, guardando tappi angosciati che cancellano lentamente, al suono della soddisfazione, maschere non dipinte di colori veri. Vaffanculo… Bukowsky… fiumi…

untitled

mi passi la gomma dalle labbra ed è cattivo il sapore corro in mutante e magliettina nel locale più IN gli animali

se un giorno

ecco ora vado a cantare sotto la pioggia e se un giorno mi sentirai cantare sotto la tua finestra in piena notte
TornaSu