comunicazione e divagazioni da sfere ruotate (numero infinito)

2 minuti di lettura
Leggi

Pressapoco 33
tastiere navigate nella ruggine
note senza articoli
il tuo messaggio mi ha strappato
un sorriso ed una smorfia insieme

Torna il pensiero ai giorni
dove hai fatto a pezzi le ali della mia farfalla
lasciandomi nella miserabile pozza dei cornuti
a piangere sui miei errori
a macellare un cuore gonfio della tua assenza

Questa è la smorfia
e bada, non è d’orgoglio che parlo
ma di un sentimento che si agita nella mente
perchè questa scali il podio
delle “Storie Tristi Cinesi”.

“Rincoglionito Salta dalla Torre”
libera le tue viscere al suolo
perchè il tumefatto intestino
venga scambiato per merda di cane da un passante

Siedo, seggo, poso il culo s’una panchina di legno ammuffito
rido, canto e poi uso parole forti con la carne della mia pelle
vorrei la felicità per lui, come per me stesso
ed assisto a scuse sincere mentre una blatta batte le antenne in segno di approvazione

ho superato l’inverno delle idee
spargendo semi di papavero sulla mia terra arida
ed invero qualche pianta bastarda ha tirato su la testa
mostrandomi la sua vagina silenziosa:
sono prostrato innanzi ad esempi di così rara classe

Ma adesso il sorriso:
il colore dei tuoi occhi, la morbidezza dei capelli
l’aria da bambina adulta
e sulle spalle doloranti il segno di un dolore
ogni tenerezza e sincero amore
emergono dai ricordi come aria dal fondo dell’oceano
e mi torna alla mente la complicità di un teatrino improvvisato
ove l’uomo delle nevi avrebbe fatto la sua comparsa scrivendo col piscio sulla neve bianca
il nome di nostro figlio

un bambino col tuo sorriso, i tuoi occhi
la tua voglia di vivere
una gioia che provo ad immaginare
ma che subito seppellisco sotto la veste del più forte guerriero di Gran Burrone
perchè l’aver vissuto tragedie
non ci rende persone migliori
e se una merda di cane sei stato
non è certo la morte puttana a renderti ambrosia

ho raggiunto l’estate del risveglio
ove non sono più padrone dei miei bisogni
eppur t’amo, ma così ti respingo
ed allora mi tengo lontano

sospirando al suono della tua voce

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Rest in peace Jon Lord (1941 - 2012)

Prossimo articolo

introspezione numero 10 (temazcal)

Le ultime da Frammenti Notturni

Default thumbnail

Senso comune

Luccica come un diamante al sole solo come un folle senza guida

Default thumbnail

senza titolo

E’ notte nella dimensione astratta del mio cuore mi strappo i chiodi

Default thumbnail

La strada

strada lacerata dalle ruote dei viandanti fiera e solitaria ti tuffi tra

Default thumbnail

Senso illogico

Amare la confusione, guardando tappi angosciati che cancellano lentamente, al suono della