Default thumbnail

ciò che resta

5 minuti di lettura
8
Leggi

la vita è strana a volte
l’amore scompare e poi riappare in nuove infinite forme: il consiglio prezioso di un amico in una notte disperata, il bacio di una ragazza conosciuta una sera e mai più rivista, speranze lontane che vanno e vengono di avventure esaltanti prossime venture, l’arrangiamento di batteria in uno dei tuoi pezzi, l’abbraccio di tua madre che ti sorprende con le lacrime agli occhi, papà che ti dice: forte il tuo nuovo album, la cosa che più avresti desiderato quand’eri un adolescente e cominciavi a fare le tue scelte in maniera autonoma.
Insomma c’è proprio tanto da capire su questa vita, da un lato ti toglie una cosa importantissima qual’è la dolce compagnia della persona che ami, dall’altro ti apre la porta del mondo facendoti consapevole, giorno per giorno, di ciò che vali davvero… è facile sentirsi bene quando si è amati da una donna, il mondo può farti un culo così e tu serafico lo ricambi senza soffrirne, o semplicemente lo ignori, hai già tutto quello che ti serve.
Senza una donna ci si allontana anni luce dal piccolo mondo della coppia, si guardano gli altri e si cerca da loro ogni giorno conferme del proprio valore, della propria profondità spirituale, riscoprendo nell’attenzione degli altri il proprio valore individuale.
Forse serve davvero lasciarsi, serve per capire quanto possiamo fare ancora per noi stessi, quanto possiamo avere dalla vita.
Mi chiedo a questo punto cosa resti di 6 anni insieme (forse 4 1/2, devo fare bene i conti): rispetto? Non credo di averne ricevuto, e mio malgrado a suo tempo ho ricambiato, con l’immensa energia e rabbia della sofferenza che sono stato costretto a subire, in altrettanta maniera. Amore? lei nega che ci sia ancora amore nel suo cuore, le credo, come credo che nel mio si stia sempre più diluendo fin quando non scomparirà del tutto. Fiducia? non se ne parla neppure, niente e nessuno potrà farci tornare insieme. Passione? qualcosa arde ancora, ma passerà, passerà quando troverò un dolce angelo che mi rapirà di nuovo il cuore.
E allora, cosa resta delle storie che finiscono? Qual’è la ragione per la quale dovremmo desiderare ancora un coinvolgimento così grande con un’altra persona?
Credo di averlo capito da tempo, ed è quello che le ho detto l’ultima volta che ci siamo sentiti. Oggi lo razionalizzo meglio.
L’unica cosa in cui ho bisogno di credere è che tutto il nostro amore non sia stato una bugia, che in questi 6 anni qualcosa ha scosso anche lei, che se non è andata, non è andata e basta, non c’è un motivo, non c’è una ragione. Forse tutto questo può scuotere l’animo femminile dacchè pare che le donne si aggrappino con tutte le forze ad ogni colpa del partner ma, per carità, chi non ha mai peccato in amore?
Ho imparato che nei rapporti sentimentali di qualsiasi natura, ancor più in amore, non bisogna essere perfetti gli uni per gli altri, bisogna semplicemente amarsi e amandosi superare i problemi… qualcuno ce la fa, altri no… io non ce l’ho fatta e neanche lei, c’era davvero un abisso tra di noi, un baratro che separava le nostre emozioni che 1000 compromessi non avrebbero mai colmato; abbiamo fallito entrambi ma ci siamo amati sul serio.
E allora ciò che resta è la dolcezza dei ricordi belli, solo quelli.

Ti ho amato
dolce signora,
davvero…
senza limiti
e con tutta la forza che avevo nel cuore.

Ciò che resta è l’essere consapevoli della capacità che abbiamo di amare profondamente un altro essere umano e di poter esserne ricambiati.
Amore non ha scale di intensità, si ama e basta.
E allora, anche se la mia storia è finita, non mi dispero, affronto il dolore con la certezza di vivere la prossima con più consapevolezza e preparazione, saprò cosa dare e saprò sbagliare di meno.
Imparerò ad accettare i compromessi essenziali, darò una mano in casa ;) non mi aspetterò una devozione totale e non la darò, perchè non è necessario… saprò amare così come so fare e soprattutto incontrerò la persona che più saprà avvicinarsi al mio modo di concepire il sentimento, perchè 6 anni fa non sapevo neppure di cosa avevo bisogno.
Se questo non succederà, aimè, mi accontenterò degli amici, della musica, della mia famiglia… comunque non è poco.
Buona serata a tutti

allegati

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

8 Commenti

  1. Lo sai che il tuo blog somiglia moltissimo al tuo sito? Esprimi le stesse emozioni. Inoltre di volevo dire che ti consiglio di vedere anche i “lati positivi della vita”, non solo quelli negativi. Nel tuo caso, la musica.

  2. cara layla
    innanzitutto grazie per il tuo commento e per l’entusiasmo con cui gridi il tuo amore per “l’amore”… al momento mi sto limitando a lasciare esaurire la fiammella dell’amore che ho provato per lei, perchè è sbagliato e non funziona… grazie alla nostra natura di esseri umani, abbiamo una testa che a volte ragiona senza cuore ed è in grado di farci capire quando una storia deve finire… è certo che riaccendere la candela per un’altra persona sarà dura, bisogna ricominciare da zero, però sono sicuro che se o quando succederà, saprò farlo nel medesimo modo (almeno spero) ;))) p.s. se continui così finirai per farmi fare un viaggio dalle tue parti, mica è facile incontrare ragazze romantiche oggigiorno :))

  3. nn farlo… nn permettere la piccola fiammella si spenga… perchè ucciderai te stesso… e tutto nn avrà più senso!
    Nico… svegliamoci, e come se vivessimo in un cantesimo che ci tiene prigionieri di un mondo che nn ci appartiene, ci sentiamo senza braccia per poter prender el eoccasioni della vita… senza gambe per correre incontro alla felicità… senza occhi, per vedere una via d’uscita… senza bocca per gridare il dolore che abbiamo dentro… ma abbiamo un cuore che esprime il nostro amore per la vita… e per noi…. vale la pena essere e vivere per l’amore!!!!

  4. Bellissimo post complimenti,non credo che tarderai a trovare la donna che possa avvicinarsi al tuo mondo….E comunque come dici tu oggi giorno non è poco poter contare su altri affetti che non sono da meno….complimenti e grazie per le belle parole su luna…ciao

  5. grazie di questo tuo commento, mi sento esattamente così, so che mi tocca affrontare ogni tanto dei momenti di nostalgia e sconforto, so che la signora solitudine è sempre in agguato ma la forza di questa consapevolezza mi porterà, così come fa con te, a lasciare che anche la tenue fiammella che rimane del mio amore si spenga del tutto non causando più dolore… un bacio grande

  6. Ma ciao! Bellissima lettera. Toccante davvero!
    Purtroppo succede che, dal “tanto” non si abbia più nulla da dare. Se poi ci sono degli impalpabili confini, capita che i 1000 compromessi diventino ancora più pesanti! Succede che senza accorgercene quella pesantezza ci logori giorno per giorno come un tumore di cui non percepiamo la presenza. Sono sicura che la prossima volta, tutto quello che la vita vorrà donarti lo prenderai diversamente. Parlo per esperienza personale, con 3 sole storie importanti e lunghe… e con delle convivenze alle spalle. Ci sto attenta! Eccome! Ho scoperto che sono capace di amare con la stessa intensità della storia precedente… dove pensavo che amare più di così non si potesse. E mi leggo e rileggo un librone nero degli errori che potevo evitare. Tanti li rifarò, per carità… ma è giusto dare un giusto valore anche a quelli. Amare vuol dire crescere. Non smettere mai! Un bacio!

  7. ciò che resta sei tu… un infinito mondo!
    Benvenuto tra chi deve scoprire l’importanza dell’essere!!
    Ma quanta gente c’è nel mondo che ha sofferto e soffre d’amore… infinita… tanta quanta è la gente nel mondo.La mia esperienza è simile alla tua… le emozioni identiche ..i concetti vaccillano un pò quà un pò là… è la forza quella che mi manca, nn la consapevolezza…
    Nico noi valiamo… e che lo deve scoprire ed essere consapevole anche quel dolcissimo essere che stà in noi…
    Abbiamo la vita di fronte.. ed è bellissima… e la libertà di poterla vivere come vogliamo e come siamo….
    Rimbocchiamoci le maniche … uccidiamo gli scheletri nell’armadio e andiamo avanti…. a spaccare il mondo!!!!!
    Ora tocca a noi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Default thumbnail
Articolo precedente

a sorella solitudine

Default thumbnail
Prossimo articolo

NON SAPREI...

Le ultime da Diario