Placeholder Photo

NON SAPREI…

Ho aperto questa pagina con l’intensione di scrivere qualcosa…non so cosa, ma l’intensione c’era, lo giuro.
Adesso tutto quello che mi viene in mente mi sembra stupido…è grave???Tutto quello che è scritto in questo diario è intimamente profondo e sentimentale, ed io sinceramente non riesco, o forse non sono abituata, ad aprirmi così, anzi, leggerlo mi mette anche un pò in imbarazzo…comunque il mio contributo si conclude qui…ma un’ultima cosa è doveroso dirla: quello che hai scritto mi ha aiutato tanto, perchè in alcune frasi ritrovo il mio stato d’animo attuale, che con le tue parole è diventato più chiaro…GRAZIE NICOLA!

1 Commento

  1. Luna, sei molto dolce per quello che scrivi e ti dirò anche che, se non fosse per persone come te, non sentirei il bisogno di scrivere un blog, a questo preferirei la classica agendina cartacea.
    Ciò che tu definisci aprirsi, condividere le proprie emozioni con un pubblico potenzialmente numerosissimo, ha per me un significato ed uno scopo quasi terapeutico … se scrivo di un malessere e scopri, tra i pareri delle persone che mi leggono, un filo che mi unisce alle loro vite, riesco a sopportare meglio il dolore che mi affligge… un filosofo tedesco, Shopenhauer, diceva proprio questo a proposito del dolore, di prendere consapevolezza del fatto che non siamo solo noi a portare questa croce ma tante altre persone. Internet, la comunità dei blogger in particolare, ritengo basi le sue fondamenta su questi principi… alla fin fine ci abbracciamo virtualmente e ci scopriamo in tanti a dover combattere contro la vita.
    Grazie per il tuo post, spero di rileggerti presto…
    Nicola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

ciò che resta

Prossimo articolo

ciò che resta

Le ultime da Le vostre storie

anti-materia

caro nico, il fatto stesso che se ne parli tanto, dimostra limpidamente che il nulla sia

dolci ricordi

Ieri mi trovavo in treno,stavo tornando a quella che da 3 anni e’ la citta’ in

Sasso nel vuoto

… come ogni sasso anche il nostro cadrà nel vuoto … il nulla avanza comunque a

Il re ed il povero

Stasera volevo proprio scrivere qualcosa ma non mi venivano in mente le parole giuste, così, ho

Vita sprecata

un giorno un Angelo si è seduto al tuo fianco. racconto d’Amore di r dedicato a