Placeholder Photo

6 Marzo 1991 (mercoledì) ore 8:07

Uffa, che giornata all’insegna del cazzo, fortunatamente c’è Salvo C. che mi aiuta anche se dovrei essere io ad aiutare me stesso. Non sai quanto vorrei che questa storia finisse bene come in un film ( a lieto fine ): io un grande chitarrista e accanto a me Tiziana alle tastiere, si potrebbe sbancare il mondo insieme. Purtroppo sono solo sogni ed è difficile che divengano realtà, ma se come si dice i sogni aiutano a vivere, che ben vengano.

Così era tutto finito?
Mi illudevo di averti dimenticato!
Tra le strofe di ogni mia canzone il tuo nome riecheggerà.
C’è quel muro che mi blocca,
attraversandolo potrò stare con te,
ma quando i sogni son fasulli, il mio cuore è già perduto.
Quei ricordi che volevo caduti, riaffiorano lentamente
quei discorsi sempre muti, mi annebbiano la mente.
Quel sogno che credevo perso, è riaffiorato velocemente
quel che voglio è molto diverso, voglio vivere con te.
Ognuno è alla ricerca di quella luce che illumini la propria esistenza
la mia luce mi fugge innanzi e non trovo il coraggio di correrle dietro.
Tiziana la mia luce sei tu, non lasciarmi nell’oscurità!
Maree di delusioni passate inondano il tuo cuore,
un sacco di speranze generate da un viaggio ai confini dell’amore.
Ti potrai illudere di dimenticare chiudendoti in un muro di alienazione
ma la sua luce finirà per penetrare anche fra le strofe di una canzone.
Non agirò, stai pure tranquilla, non intendo turbare la tua serenità.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

5 Marzo 1991 (martedì) ore 15:33

Prossimo articolo

10 Marzo 1991 (domenica) ore 12:18

Le ultime da Diario

E’ così che…

E’ facile che un giorno non tornerai più su queste pagine elettroniche a leggere i miei