Placeholder Photo

24 Giugno 1995 Sabato ore 19:20

Non mi par vero di averti scritto solo 13 giorni fa, leggendo la pagina precedente mi è sembrato fossero trascorsi almeno due mesi dalle vicende raccontate; sai, il tempo sembra passare lentamente da quando conosco Cristina, e le idee stanno abbandonando il mio spirito ossessionato da questa meravigliosa e terribile malattia: Superamore.

Non ho mai trascorso un periodo più arido, in quanto a rapporti sociali non riesco neppure a mostrare la solita facciata, molte persone che mi stanno vicino riescono persino ad intuire ciò che sto pensando o sentendo, sono fottutamente allo scoperto e tutto a causa della frustrazione che mi causa la maledetta situazione venutasi a creare: mi sento combattuto fra la decisione di abbandonare tutto (cosa per la quale mi sono dimostrato incapace) e quella di giurarle eterno Superamore nonostante tutte le contraddizioni e situazioni che girano attorno al nostro rapporto. In radio sono un disastro, non riesco a combinare nulla di buono, e tutto questo a causa di questa stramaledetta insoddisfazione mista ad una forte preoccupazione per il futuro. Solo la musica e le mie letture più, quando capita, la dolcezza del mio amore Cristina, riescono a tirarmi su. Già… il problema non è solo Superamore, benché anch’egli abbia una certa portata nel clima complessivo di inaridimento spirituale, credo che siano anche altri i problemi che mi angosciano. Innanzitutto il crollo del mito della radio dovuto ad un cambiamento professionale che mi è stato imposto dal nuovo regime direttivo, nonché della mia incapacità di essere moderno e quindi commerciale (non che questo sia un male)… se non cambio il mio stile di fare radio e la mia proposta musicale, mai avrò un posto… BENE, che si fottano tutti, non tradirò la mia musica per denaro né per quel branco di fottuti ignoranti che stanno dietro i microfoni. Non è ancora detta l’ultima parola, proporrò un ritorno al vecchio modo, cercherò di raccogliere maggiori consensi possibili (da parte del pubblico siciliano naturalmente), e quando mi sbatteranno fuori dovranno poi pregarmi di tornare… che discorso da giullare!!! Ma cosa fare in futuro… l’altro giorno mi sono sfogato con Cristina che si è rivelata un valido supporto morale… quanto mi fa star bene il calore del suo abbraccio.

Cristina… altro dilemma. F. sta diventando sempre più opprimente e non lo biasimo per questo… Dio non c’è, Cristina la vedo troppo di rado… e che cazzo di strafottutissima sfiga!

Crisi professionale
Credevo che avrei potuto portare alta
la bandiera del VERO sentimento;
credevo che voi avreste potuto capire
ciò che sentivo io, ciò di cui vi parlavo;
speravo che ognuno di voi
avesse atavica la capacità di approfondirsi…
avreste dovuto perdervi per poi ritrovarvi
e invece, vi è piaciuto solo pavoneggiarvi di erudizione
Non era questo che volevo da voi
volevo aprire delle porte e lasciare che vi entraste
e non che vi soffermaste a guardare le etichette.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

11 Giugno 1995 Domenica ore 21:10

Prossimo articolo

27 Giugno 1995 Martedì ore 23:55

Le ultime da Diario

X Generation

In questo uggioso 3 settembre, preceduto da un altrettanto poco estivo giorno 2 e da un

Lettera alla mia sposa

Mia adorabile sposa, oggi ricorre l’anniversario della promessa più impegnativa che due persone possano reciprocamente scambiarsi

8 Ottobre 2015

Sono passati 43 anni dalla mia venuta al mondo e sono ancora qui, su questa terra,

Una luce nel buio

Già… le ingiustizie, le cose che vanno storte per propria colpa… potrei impegnare il tempo pensando