Default thumbnail

Martedì 19 Marzo ore 10:13

3 minuti di lettura
Leggi

E’ successo, non riesco a superare le mie paure, non riesco a superare il problema che lei, fondamentalmente, non è la persona adatta a me e che io non sono di certo l’uomo della sua vita. Abbiamo passato dei momenti molto belli in questi giorni, ci siamo amati di nuovo, ci siamo abbracciati e baciati ed amandoci ci scambiavamo promesse: non pensiamo al passato, non pensiamo al futuro, pensiamo solo al nostro amore. Ma il mio amore è egoista, il mio amore ha voluto di nuovo averla vinta su tutti, il mio amore tende ad infinito come la mia anima e, dopo un pomeriggio terribile seduto sulle panche della cattedrale, ho capito che solo l’amore di Dio può davvero riempirmi. Tornare con lei significa abbandonare di nuovo me stesso ed impazzire perché lei non può ricambiare in egual misura le mie attenzioni. La mia intenzione è stata quella di cambiare, di riuscire a dedicare un po’ di tempo a me ed un po’ a lei… ed invece no, tutta la mia vita ha cominciato di nuovo a tendere verso Giulia ed è bastato un “no” da parte sua riguardo una serata da passare insieme, per far scattare tutta quell’angoscia che conosco bene e che in questi 5 mesi avevo dimenticato. In questi pochi ma dolcissimi giorni mi sono illuso che il nostro grande amore potesse sopravvivere alle torture del suo egoismo, perché compensate da una mio rinnovata intenzione, imbecille!! Come se di queste intenzioni non ne avessi già avute…. Al cuor non si comanda è vero, però il cuore ha il cervello nel pene, gioca con le emozioni ed i sentimenti curandosi solo del proprio benessere momentaneo.

Oggi più che mai sono convinto che se trovassi la giusta strada Dio potrebbe salvarmi da questo bisogno d’amore egoista ed altruista insieme, di sicuro mi pentirò della scelta di lasciare Giulia, magari fra qualche mese tornerò a desiderarla, magari anche domani… però voglio continuare a dare vita alle cose di cui posso gestire le emozioni, ne gioverà la mia musica e questa vita da single che ormai quasi mi piace.

Art è debole ma presente, ed è a lui che affido il mio futuro. Ti amo ancora Giulia e forse ti amerò  per sempre, fossi stata diversa, fossi stato diverso io, avremmo avuto un futuro insieme ma è così che è andata, ed è così che dovrà sempre andare. Addio amore mio, tra noi due sei stata la migliore.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Default thumbnail
Articolo precedente

Lunedì 18 Marzo 2002

Default thumbnail
Prossimo articolo

Valere al di fuori di sè

Le ultime da Diario

Default thumbnail

vorrei…

Sono quasi le 9, ho appena finito di mangiare, sono seduto davanti

Il faro

Ho comprato un calendario con le immagini di un Faro. Mi piace