Default thumbnail

11 Marzo 1990 (domenica) ore 2:42

2 minuti di lettura
Leggi

Che giornata terribile quella di oggi! Oppresso dal pensiero di Tiziana e da tutto quello che non andava nella mia vita, sono sceso con la mia chitarra e un pacco di sigarette in macchina ad ascoltare le mie filodiffusioni alla radio. Dopo essermi quasi drogato con le sigarette ho notato che la luce della scala si era accesa, fatto piuttosto insolito all’una di notte; sono uscito immediatamente dalla macchina portando solo te e mi sono nascosto nella discesa antistante al portone di casa mia. Quasi nello stesso medesimo istante sono usciti dal portone mio padre e mia madre che urlavano il mio nome in direzione della macchina, la chitarra era distesa sul sedile anteriore e gli bastò entrare per sentire il denso odore del fumo e vederla. Sicuri che fossi nelle vicinanze, la luce che segnala l’apertura dello sportello era ancora accesa, mi hanno chiamato con tono minaccioso ed io silenzioso cercavo di trovare una via d’uscita oltre il muro. Capii che prima o tardi sarei dovuto tornare pertanto, quando i miei rinunciarono alla ricerca, scesi dal cornicione dove mi ero rifugiato e li raggiunsi sulle scale. Mi aspettavo una grossa dose di legnate con successive proibizioni varie, quando li raggiunsi invece si comportarono in maniera tranquilla; come se non fosse successo nulla si diressero verso la loro stanza e da lì cominciarono i loro apprezzamenti sul mio comportamento, curandosi di tenere un tono di voce costantemente alto per non rischiare che perdessi una sola sillaba dei loro discorsi. Credo mi abbiano dato più volte del pazzo lamentandosi di essere stati colpiti dalla sciagura di aver portato in grembo e cresciuto un essere così imperfetto da ogni punto di vista. Dovrei cercare di considerare i loro commenti come frutto del nervosismo del momento e quindi non sentiti, ma non ci riesco, mi sento terribilmente avvilito nonché frustrato e con un desiderio di morire che mi porti a dimenticare tutto: Tiziana, gli amici… tutto.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Default thumbnail
Articolo precedente

8 Marzo 1990 ( giovedì) ore 21:15

Default thumbnail
Prossimo articolo

14 Marzo 1990 (mercoledì) ore 22:53

Le ultime da Diario