Default thumbnail

senza sonno

3 minuti di lettura
1
Leggi

Mai momento è stato più azzeccato per parlare del mio piccolo problema legato al sonno.
Da qualche tempo a questa parte ho dato una risposta alla mia insonnia, il problema è che quando non sono a CT con la mia donna vado a dormire con una eredità quotidiana standard: mi alzo, vado in bagno, prendo il caffè, faccio 2 chiacchiere con mio padre, lavoro, mangio, faccio 2 chiacchiere a tavola con la famiglia, vedo i Simpson, parlo con Emanuela, continuo a lavorare, guardo una puntata del Dr. House, faccio ancora 2 chiacchiere con la famiglia, mangio, vado di corpo, guardo un film, ciondolo per un pò davanti al computer, vado a letto ed inizio a vedere altri episodi del Dr. House, tutto questo fin quando non si fanno le 3-4 di notte.
Stranamente la mia vita non è molto diversa quando sono a Ct, anzi, mi mancano delle cose che mi fanno star bene come le chiacchiere con la mia famiglia e il mio computer, però c’è qualcosa di diverso, e questo qualcosa è la mia donna. Ogni sera quando andiamo a letto, lei mi stringe, ed io mi addormento, sempre; ogni tanto mi skazzo per qualcosa, allora mi alzo e accendo la tv, ma dopo mezz’ora al massimo sono di nuovo letto, a guardarla mentre dorme, a sorridere per la dolcezza del suo viso (quando non si sotterra con le coperte).
C’è sempre un’inquietudine di fondo, nell’una e nell’altra situazione… ma quando sono solo, questa inquietudine non mi fa dormire, la sua presenza invece mi fa star bene e mi chiedo sempre se non sia la volta giusta, se non sia il momento adatto per fare un salto importante: vivere con lei.
Che balorda la vita… certe scelte le fai con più serenità quando sei più giovane, quando non hai ancora una casa tutta tua, quando sei più grande e dovresti avere una maturità più forte, hai paura… ma paura di cosa? Che finisca? Che ti ritrovi in mezzo ad una strada con tutto quello che hai costruito insieme a lei rinchiuso in un borsone di vestiti ed oggetti personali che vuoi portare con te? … non lo so… il pensiero è sempre debole ed io sono terribilmente sveglio adesso, un pò febbricitante, con tanta voglia di averla accanto e di ottenere la sua comprensione: dai Nico, non ti preoccupare, io non ti lascerò mai e mi prenderò cura di te.
Quando i rapporti vanno avanti, ci sono sempre dei momenti in cui hai paura di non piacerle per ciò che sei… in principio è sempre tutto uguale, ognuno si sforza di piacere all’altro, dopo invece sei quello che sei e non vuoi mai rinunciare… ma io l’amo, e ciò dovrebbe bastare.
Adesso la chiamo, sta scattando la mezzanotte, è il suo compleanno…

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Default thumbnail
Articolo precedente

Ecco la nostra Sicilia

Default thumbnail
Prossimo articolo

sempre e solo ipocrisia

Le ultime da Diario

Default thumbnail

odore

odore d’inutile marcio carnaio la fine silente il menestrello cessa il suo

Default thumbnail

Respiro

Pallido si erge il mio corpo sull’acqua di cristallo dai riflessi argentini