Sensazioni

4 Agosto 1996
1 minuto di lettura

Un senso?
Bah, forse la speranza che Dio esista!

Mille colori balenano davanti ai miei occhi
saette fluorescenti che guizzano su e giù
e la pioggia bagna i ricordi
e il vento trascina i petali della mia rosa
accompagnati da fili di capelli dorati.

Chissà se mi penserà quando il cappio si stringerà sul mio collo
chissà se in qualche posto una coscienza si sveglierà.

Profumo di muffa
ma ancora riesco ad inebriarmi
corroso dai sensi di colpa, soggiogato dai ricordi.

Qualcosa batte vigorosamente sulle mie tempie
non posso spiegarlo, è così assurdo!

Sono paradossalmente in torto
sono stato abbandonato abbandonando a mia volta.

Sento il gelo dell’acqua salire sempre più
e in un attimo sono sommerso
mi scoppiano i polmoni, sarebbe bastato qualche minuto in più
ma le mie energie non l’avrebbero permesso.

La sabbia riscaldata dal fuoco
mi regala un attimo di serenità;
dopo essermi coperto per intero
ho sentito di dover essere felice.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Livelli

Prossimo articolo

Dialogo di notte n°1

Le ultime da Frammenti Notturni

Flew away

Sei volata via, trascinata dal vento dei giorni, alienato rimorso della mia stanza vuota come una stella sottratta alla vita il cuore esplode,

Conseguenze drammatiche

“I tuoi occhi sono come due smeraldi incastonati nel marmo, la tua fronte è alta e levigata come quella di una statua

La brutta copia di me stesso

Ho assaggiato le spezie più prelibate del mondo Ho visitato le più belle scogliere che mai uomo possa apprezzare Così come l’ho

Chiodi d’acciaio

Vecchia marmellata acida potrei divorarti senza vomitare e poi ficcarmi in gola mezzo tubo di latte+ (quello degli sportivi e non dei

errori

Soffiato tra i venti il ricordo passato di attimi intensi perduti nel cielo Ho voluto sentire l’intenso fluire dei suoni e dei
TornaSu