Placeholder Photo
1 minuto di lettura
Pallido si erge il mio corpo
sull’acqua di cristallo
dai riflessi argentini
e mentre il vento mi balla tra le dita
il mio respiro si allarga.
L’orizzonte scivola, lontano,
dove l’occhio non può cogliere.
Poi un flutto mi spezza il fiato,
e le gocce di spuma,
come dita,
m’avvolgono,
mi seducono.
E’ il richiamo del tempo,
della morte
e ora sono ancora carne,
sangue che pulsa tra i nervi.
Ma il mio respiro,
il mio respiro è più grande:
è la vita, che batte
il suo ritmo antico.
Giannantonio Di Giacomo

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Del criminale

Prossimo articolo

Vuoto

Le ultime da Frammenti Notturni

L’abisso

oggi, fors’anche ieri, ad un passo dal dirti: ho ancora voglia di tentaremi fermo sulla soglia

tre poesie

Una bambina ha perso il suo braccio contava di usarlo ancora per consegnare un ultimo schiaffo

no subject

trito frantumo fantasmi ma non trovo luce luce che scuota oceani di sentimenti sul fondo boccheggio

inutile

inutile mondomi disgusti…vitaquanta inutile energiasprecata inutili sentimentied inutile Dioseppellito dai giudicidi una ragione manipolata inutile societàed