i miei bambini

29 Gennaio 2012
1 minuto di lettura

I miei bambini
sporcano il pavimento,
talvolta inturgidiscono
ghiandole morbide
fomentando gemiti
di lussuria e dolore

I miei bambini
senz’anima
evocano piaceri perduti
a creature castrate
che si perdono tra gli odori
d’indefiniti caratteri

E così accesi la mia cicca
portando in alto
la fiamma luminosa
d’uno Zippo isterico
nel mentre
otto malvagi fantasmi,
donne con pelle olivastra
e lunghi capelli neri,
si acquattarono sopra le mie parti
immobilizzandomi al terreno
ed insieme si piegarono sui miei occhi
con un ghigno malefico

fu quando le campane suonarono
che desiderai
d’essere l’humus di un terreno
per dare nutrimento a fiori ed erba
e non sentire altro
che il crescere impetuoso d’una rosa blu.

La paura
celebra le sue indegne spirali
facendosi annunciare dai ritmi disordinati
delle campane
e così i miei bambini
permeeranno la bianca cellulosa
per raggiungere il maleodorante pozzo
colmo di convinzioni ridotte a poltiglia.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

respirazione profonda

Prossimo articolo

Hugo Cabret

Le ultime da Frammenti Notturni

pensiero d’amore

Ho veduto stelle che sospirano udito notti che splendono l’acqua del deserto regge forte il mio cuore parlarti, oh si solo parlarti

silenzio

nel ricordo il tuo respiro atroce silenzio. dove sei amore perduto non ti sento: nel tuo silenzio si smarrisce la mia voce.

Se ne approfittano

Se ne approfittano perché sono buono e non so dir di no E dalla sera fino al mattino devo soddisfare il mio

Io sono nato libero

Ascoltate mentecatti c’è qualcosa di più sacro delle vostre certezze voi che credete di aver trovato ciò per cui combattere voi che

Lo Specchio

Tutte le volte che torno a casa Trovo il mio specchio Non posso evitarlo Gli passo davanti ogni sera Non posso farci
TornaSu