i miei bambini

I miei bambini
sporcano il pavimento,
talvolta inturgidiscono
ghiandole morbide
fomentando gemiti
di lussuria e dolore

I miei bambini
senz’anima
evocano piaceri perduti
a creature castrate
che si perdono tra gli odori
d’indefiniti caratteri

E così accesi la mia cicca
portando in alto
la fiamma luminosa
d’uno Zippo isterico
nel mentre
otto malvagi fantasmi,
donne con pelle olivastra
e lunghi capelli neri,
si acquattarono sopra le mie parti
immobilizzandomi al terreno
ed insieme si piegarono sui miei occhi
con un ghigno malefico

fu quando le campane suonarono
che desiderai
d’essere l’humus di un terreno
per dare nutrimento a fiori ed erba
e non sentire altro
che il crescere impetuoso d’una rosa blu.

La paura
celebra le sue indegne spirali
facendosi annunciare dai ritmi disordinati
delle campane
e così i miei bambini
permeeranno la bianca cellulosa
per raggiungere il maleodorante pozzo
colmo di convinzioni ridotte a poltiglia.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

respirazione profonda

Prossimo articolo

Hugo Cabret

Le ultime da Frammenti Notturni

Pensieri Brevi

Lo spero…già lo spero nel vento suonano strane voci e urla che squarciano il silenzio mi

Interiora di bue

Tra mille anime abbandonato, scortato ch’ero da molti secoli In un paese strano, con strani modi

Cambio

Piccolo stelo, ti strozzeranno prima o poi prima i vermi, poi gli uomini e non vedrai

Comunque verrà…

Dove volano i gabbiani il sole acceca e l’oceano è blu, quasi sfida il cielo. Tre