E’ strano
osservare
il cielo
il mare
le montagne

è strano
contemplare
le forme prime
l’essenza del mondo

e se i pensieri
come fiumi
straripano
un solo grande vuoto
dominerà sul tuo cuore

D’improvviso
mi si concede un’intuizione
nel mare posso vedere il cielo e le montagne,
nel cielo le montagne e il mare
e nelle montagne il mare e il cielo

Non temere
nessuna furia naturale si abbatterà sulla tua testa
quando al tuo fianco una dolce fanciulla
ti narrerà del suo amore per gli animali

Povere bestie
rinchiuse dietro una gabbia
che ringhiano
cogli occhi pieni di odio

E’ solo una giornata storta
nel fragore dell’angoscia
posso scovare una speranza
raccolgo fiori di campo
e piango sulle loro radici

Guardo il cielo, poi il sole
in cima ad una montagna
poi uno strano sibilo accompagna delle voci amiche
gioisco,
ma subito mi accorgo
che era solo una fantasia

Guardo il mare, poi il sole

seduto su uno scoglio
ed uno strano freddo mi assale al cuore
soffro,
e subito mi accorgo
che non posso essere capito.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Respiro

Prossimo articolo

Pura insensibilità

Le ultime da Frammenti Notturni

Embrace

Amici che tornano amici che vanno oltre le mura di Ariel fino ai bastioni di Orione

frammenti di viaggio

Nel terrore di un giro mortaleuna mano si tende nel buiouna fitta al petto d’amore desideratomentre

bivio

amore mionon sto impazzendosto solo cambiandoed in questo turbine di nuove sensazioniogni tanto crolloper abbracciare antiche