Perchè infliggere al core un tale tormento

15 Giugno 1998
1 minuto di lettura

E non lasciarlo libero di scegliere
Perché mentre ghirlande di colori folli
Adornano la mente
Non fuggire dai dubbi
E volare senza indugi
Verso… un cielo grigio
Ma sì, anche grigio
Come il dolore che sta in mezzo
Tra la gioia e la disperazione
Tra speranza e rassegnazione
Grigio mirabile fusione
Tra nero e bianco

Colori di morte e di vita

Chiamami per nome
Ostinati a farlo
Anche se dovessi voltarti le spalle
Sii forte dolce sogno
Non fuggire dalla mia caparbietà
Anzi affrontala e salutala come fosse una vecchia amica
E poi deridila, fa che si dilegui
Portando seco tutto il dolore che mi causa
Sissignore, questo è ciò che hai da fare
E Distinti saluti

Rovina di uomo
Ancora giovane e già vecchio
Nel cuore

Solleva alto lo sguardo
E chiaro la vedrai
Splendere come la cura
Che tanto attendevi
Che in sogno invocavi
Che nei tuoi pensieri
Lussuriosi
Richiamavi

Forgia l’orgoglio
Perché sappia conoscere
Ciò che può farti male
E non allontanare
I suoi occhi dai tuoi

Chè è d’amore che parlo
Cosa avevate capito
è questo il mio danno
e piango perché l’ho smarrito

donna dagli occhi di fata
sissignora a te mi rivolgo
perché il tuo nome questa notte invoco
e se ti piace tendi l’orecchio
perché possa udirlo
accompagnato dal mio saluto
ancora una volta
distinto.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Interiora di bue

Prossimo articolo

Giulia

Le ultime da Frammenti Notturni

Pensiero di S. Veneziano

Ho raccolto più che una prova della condanna cui mi sto piegando senza più lacrime da versare nè parole dolci con cui

un anello lanciato

Buon giornoun anello lanciatonel vuoto silenziosodel paradiso che ho perduto Buon pomeriggiopropositi affannosiincerti insicuriil volto di ghiaccio Buona sera fedeli cari amiciin

L’abisso

oggi, fors’anche ieri, ad un passo dal dirti: ho ancora voglia di tentaremi fermo sulla soglia di questi pensieri e scorgo un

TIA

Anche in primavera il cielo è grigio ed è una mattina come tantecon la nebbia che sfoca i contorni delle cosequella che

Dialogo in attesa acida

– Le cose che guardo sono agitate dal vento… … impostiamone un dialogo ed io dovrei farne il relatore ! – disse
TornaSu