a proposito dell'anziano in chiesa

2 Luglio 2002
1
1 minuto di lettura

Questa volta voglio spezzare una lancia in favore della religiosità.
MI scaglio contro il luogo comune secondo il quale i vecchietti, poverelli, vanno in chiesa perchè non hanno niente in cui sperare, per i quali, quindi, Dio altro non è se non l’ultimo scoglio al quale appigliarsi per evitare di sprofondare nel nulla della disperazione.
Se da una parte è vero che l’uomo, al tramonto di propria vita, suole convertirsi e frequentare più assiduamente i luoghi della cristianità, è anche vero tuttavia che, prima di questo, ha ben altre cose a cui pensare, cose che soddisfano la sua esteriorità: lavoro, soldi, donne, beni materiali… forse anzichè dire che l’anziano si avvicina a Dio per comodità, è meglio dire che l’anziano, proprio perchè al tramonto della propria vita, riesce a dedicare più tempo alla propria interiorità, ed è proprio lì che scova Dio… è di certo vero che ci sono atei irriducibili come anche credenti appassionati; l’uomo comune però segue strade abbastanza uniformi e se solo in tarda età può scoprire le gioie di una vita interiore, non sarò certo io a biasimarlo nè a criticare una scelta spirituale che non può fare altro che rendergli più gradevole il passaggio.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

1 Comment

  1. Sono contento di sentire un commento favorevole. Attualmente si apprezza ogni forma di spiritualismo, religiosità o autodeterminazione: fino a quando l’uomo viene posto al centro del proprio credere si è pronti ad affermare che ciascuno segue la propria strada e per questo merita rispetto. Il cristianesimo è qualcosa d’altro: è l’incontro con una persona, Cristo risorto dai morti che per amore dona a noi questo suo potere. Ecco allora che in tal caso nessuno è più disposto al medesimo ragionamento e con gran facilità si arriva al disprezzo: amore o odio. Sicuramente dipende dal fatto che è l’unico annuncio che davvero ha il potere di cambiare qualcosa e divide marcatamente chi crede da chi no. Infatti, a ben pensare, cosa condiziona di più la nostra vita se non la paura della morte? In ogni sua forma: dalla paura di soffrire o di non essere amati (piccole morti) alla paura di non sopravvire ai nostri giorni sulla terra.
    Ciao, a rileggerci.
    Enrico

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

affari di casa nostra

Prossimo articolo

3000 euro di tasse

Le ultime da Diario

Il meccanismo dell’amore

10 modi per sopravvivere ad una delusione d’amore ha sfiorato il migliaio di visualizzazioni, ed è trascorso solo un mese dalla sua

Delusione d’amore: Gioco finale

Questo mio intervento vuole essere una appendice al gettonatissimo decalogo relativo alle delusioni d’amore. Innanzitutto perchè la parola gioco? Un gioco all’interno

il bluff pt. 1

Annotazione del 24/2/2010 Ho lasciato questi post privati per una ragione ben precisa. La morte di Elisa-Altria, la persona che si commemora
TornaSu