I giorni "no"

25 Maggio 2002
1
1 minuto di lettura

Chi riuscirebbe a parlare dei giorni “no” senza lasciarsi travolgere dalla caustica constatazione che non c’è proprio nulla di cui parlare perchè i giorni “no” sono dei giorni e basta, giorni che magari passano lasciandoti com’eri prima, o che cambiano profondamente tutto quello in cui prima credevi, giorni di passaggio insomma, di quelli che servono per farti sentire meno bruscamente i vari trapassi di coscienza. In questi giorni mi sento vuoto, chiuso, inutile, incapace di fare qualcosa di utile, incapace di fare semplicemente, falso perchè inquieto, falso perchè impaurito dai miei stessi pensieri, paranoico perchè tutti ce l’hanno con me, ed io ce l’ho con tutti. Paura, diffidenza, senso di sconforto ed incapacità di credere in ciò cui ogni uomo deve credere; esiste Dio, mi guarda, ha un progetto per me… esiste un mondo interiore, esiste la vita? Ecco un giorno “no”, nessuna cura esiste, nessuna medicina guarisce la mente da questi fottuti ostacoli del tempo; aspettare? Fino a quando, fino a dove… sono giorni “no” o semplicemente la mia vita?

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

4 giorni a Milano

Prossimo articolo

Joe Linner Project

Le ultime da Diario

Continuando sulle paure

Ha ragione nico quando scrive sulle paure di noi uomini. Voglio lasciare a questo blog la mia storia: 5 anni quasi di

Frammenti di quotidianità

Questo è uno dei tanti messaggi notturni che mi invia mio fratello, ritenendo erroneamente (ma mica tanto poi) che sia sempre attaccato

di notte pt. xxx

E’ sempre di notte che mi assale la malinconia, mi rigiro nel letto immerso in mille pensieri, guardo l’orologio maledicendo il sonno
TornaSu