30 Gennaio 1991 (mercoledì) ore 11:00

30 Gennaio 1991
1 minuto di lettura
Quando al mattino mi desto, col sudore in fronte e la malinconia nel cuore,
guardo sempre dalla finestra.
Ooh, la pioggia bagna la strada, bagna i miei capelli,
corro più che posso ma non riesco a muovermi.
La nebbia nella mia testa e la pioggia cade, cade incessantemente,
cade e mi macchia, si mischia alle mie lacrime, le lacrime che ho versato.
Hey tu, credi di avermi catturato,
non farlo, il mio cuore è pieno di odio per te, non riesco più a controllarlo.
Credi che mi droghi per causa tua,
no, ho imparato a controllare le mie emozioni.
No, non mi importa più di abbattere quel muro, tu non mi interessi più
neanche fossi l’ultima donna sulla terra.
Ti ho sognato bambina che sprofondavi nel mio muro.
Un bel giorno volevo una bella ragazza da fottere
volevo un buon successo di pubblico
volevo una certa serenità familiare.
Credo di poter avere tutto quel che desidero
i sogni possono avverarsi.
Le luci piombano su di me, su quel palco.
Credo di dover contare solo su me stesso, mentre le luci mi colpiscono e il fumo mi circonda.
Qui non c’è niente che mi possa aiutare, devo fuggire, fuggire lontano… nei ricordi?
No, solo nel presente c’è la felicità.
Niente più droghe e neppure alcool
qui c’è la felicità, sul grande palco, con tante luci e milioni di fans.
Abbandoniamo i dolci ricordi di un estate e scaraventiamoci nel presente.
Voglio andare a letto!!!

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

22 Gennaio 1991 (martedì) ore 11:35

Prossimo articolo

4 Febbraio 1991 (lunedì) ore 11:43

Le ultime da Diario

La mollica sul comignolo

A mia Nonna Ninetta Una mollica di pane è come una parola che prende corpo e concentra tutto il suo significato in

Mercoledì 13 Marzo 2002

L’unica cosa che desidero adesso è che la mia dolce musica, le note che hanno consolato la mia anima in questi mesi,
TornaSu