Placeholder Photo

18 Marzo 1991 (lunedì) ore 8:43

1 minuto di lettura

Ti sto scrivendo spesso in questi giorni, capisci certamente quanto sollievo mi doni quando mi permetti di imbrattare con l’inchiostro le tue nude pagine, con nessuno riesco a comunicare nel modo in cui lo faccio con te, solo Salvo C. sa qualcosa ma neppure a lui è dato di conoscere tutto; praticamente chi si trova a leggere il mio diario può vantarsi di dire: io conosco Nicola. Oggi ti ho scritto per dirti che sono un pò più tranquillo anche se le cose non vanno certamente bene come vorrei. Questa estate dovrò necessariamente tentare qualcosa, non posso lasciare nulla di intentato, devo averla; se non ci riuscirò pazienza, andrò a spasso ma almeno non avrò il rimorso di non averci provato. Un atteggiamento certo diverso da quello predicato nelle pagine precedenti, differente anche dai tempi delle illusioni. Spero che Dio mi aiuti almeno a superare l’orgoglio che ha edificato un muro che mi separa dal mio amore. Non c’è più tempo ormai, dovrei agire adesso lo so, ma una grossa delusione mi impedirebbe di passare l’anno scolastico; devo studiare e già mi viene difficile senza che ci si metta l’immensa frustrazione che mi causerebbe l’essere mandato a fare in culo.

Questa estate avrò la mente sgombra per dedicarle tutto me stesso.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Default thumbnail
Articolo precedente

17 Marzo 1991 (domenica) ore 9:20

Default thumbnail
Prossimo articolo

19 Marzo 1991 (martedì) ore 11:05

Le ultime da Diario

mal di testa

Oggi ho un mal di testa terribile, volevo provare a scrivere qualcosa giusto per rileggerla dopo

sincera agonia

E’ notte… e la notte mi è sorella. Avrei avuto voglia di scrivere una canzone, una