Default thumbnail

Una giornata qualsiasi

1 minuto di lettura
Leggi

Era dicembre, il sole faceva capoccella tra le nubi, l’aria fredda mi faceva rabbrividire nel colletto di pelliccia ecologica mentre alla stazione, attendevo il treno che proveniva da Milano. La gente mi passava accanto senza vedermi, il venditore di panini e bibite chiamava a gran voce i clienti e il fischio del treno interruppe i miei pensieri. Stava arrivando, tra poco sarei stata tra le sue braccia! Attesi col cuore in tumulto quasi in punta di piedi per riuscire a cogliere in mezzo alla folla, il suo ciuffo di capelli scomposti. Qualche minuto dopo eravamo già mano nella mano per le vie di Firenze, il vento giocava con i suoi capelli, aveva un raggio di sole negli occhi così felici e spensierati che li rendeva luminosi e splendenti, le labbra distese in un sorriso affettuoso che scaldava il cuore. Tutto quello che successe dopo l’ho dimenticato, le liti, le bugie, il rancore. Mi resta il ricordo di un giorno di sole, di un ragazzo pieno d’amore, nessuno potrà cancellare quei momenti, neppure io.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Come puoi amare...

Default thumbnail
Prossimo articolo

Venerdì 15 Marzo ore 12.25

Le ultime da Le vostre storie

Default thumbnail

interiors

ma come? qua c’è ancora gente che nutre dei sentimenti??? c’è ancora

Default thumbnail

La musica

Note si rincorrono come pensieri e avvolgono l’aria di suoni e di

Distacco totale

Nelle favole c’è un filtro magico che ti fa addormentare. Ti svegli

Default thumbnail

Rimorso

E’ cosi’ difficile scrivere pensando che qualcun’altro legga i tuoi pensieri,non l’ho