Placeholder Photo

Rabbia ancestrale che divora le carni,ululato che squarcia il velo della notte,mentre una pallida nenia si diffonde nell’aria anelante ai respiri. Un sottile rantolo che para la guerra sul campo ancora deserto:il silenzio, poi il boato e un grido e un altro.L’odio martella nelle orecchie e mille spade si infrangono in un tuono che sembra atterrire la piana intera.Ovunque sangue e dolore e spasimi e rantoli di rabbia o di morte.Poi,d’un tratto,il superiore silenzio, mille membra, prive di vita o agonizzanti, giacciono sul sangue che scorre a rivoli e si unisce o si discosta in torrenti ineguali. Il cielo livido si specchia sul ruscello rossastro a larghe macchie di porpora e la natura ricomincia il suo canto:una lieve, evanescente,timida pioggia terge e pulisce quella breve tragedia umana ormai trascorsa.

Giannantonio Di Giacomo

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

La cometa

Prossimo articolo

Finchè non sarà sera

Le ultime da Frammenti Notturni

Non so cosa voglio

Non so cosa voglio… un disco prodotto forse un pò più di serenità forse una fede

La strada

strada lacerata dalle ruote dei viandanti fiera e solitaria ti tuffi tra le valli ti arrampichi

Flew away

Sei volata via, trascinata dal vento dei giorni, alienato rimorso della mia stanza vuota come una stella

Senza titolo

Accanto a te, solo con te Ancorato all’unica stella Che illumina la mia fragile mente E

soffoco

soffoco nel buio mastico sabbia rientro sul vuoto giro intorno al vuoto e soffoco ancora non