Placeholder Photo

Pillole di delusioni ordinarie

Un’arpeggio meraviglioso, uno strumento strano, immateriale, superiore

Ricordi come fitte nella mia testa
comando: cancellare dati presenti;
su e giù senza limiti
su e giù senza freni
dolore, dolore al cuore.

Del bene a qualcun’altro
vorrei fare del bene a qualcun’altro
per non sentire il peso del male su di me
per non sentire la morsa dell’angoscia sul mio cuore
per non sentire il fragore dei ricordi nella mia testa
per non sentire i deliri onnipotenti del vile cartone
per non sentire l’ipse dixit della mia natura umana
per non sentire la furente ira della mia ragione,
e il mio corpo e la mia anima che lottano contro essa,
per non sentire il mio bisogno di amore.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

2 Commenti

  1. …per non sentire il mio bisogno di amore…
    solo una carezza a fine giornata è quel che chiedo mentre scodinzolo per la felicità d’averti vicino di nuovo e anche questo m’hai negato… per uno stupido “fastidio”…

    Grazie per questo tuo blog Art, non sono ovviamente riferite a te le mie parole e penso che mai verranno lette dall’interessato… il peggior natale di sempre ^^

    • Ciao Violante
      grazie a te per il tuo intervento e per la lettura
      Anche dalle mie parti non è stato un grande natale, questo tuttavia mi porta a sperare che il prossimo potrà essere solo migliore :)
      Un abbraccio e a presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Voglio ancora ascoltare il silenzio

Prossimo articolo

21 Giugno

Le ultime da Frammenti Notturni

TIA

Anche in primavera il cielo è grigio ed è una mattina come tantecon la nebbia che

tenebre

luce non sei con me… stanotte è notte c’è uno strano odore lì fuori è notte

18

Perchè mi fai del male donna mia adorata forse ti ho amata troppo forse ti ho

Uridan

Uridan
è stato l'acaro perfetto:
mangiava la polvere
e la notte dormiva con lei
tenendola al riparo dai fratelli
brutalmente affamati

solo e stanco

solo e stanco poggio la mano sui tasti senza pensare senza soffrire senza scontare il peso