Placeholder Photo

Pensiero debole

E’ comune ormai che venga accusato di mancata fortezza morale, di superficialità, di scarsa intelligenza, di debolezza interiore.
Altrettanto comuni le risposte che formulo per mia discolpa, attente alla forma dacchè facili ad essere fraintese, pregne di quel dualismo nero/bianco che non riuscirò mai a togliermi dalla testa.
Sono un anticipatore, ne sono sicuro, di quello che qualcuno ha già definito pensiero debole, sono un qualunquista di prim’ordine che non agisce per cambiare la società che lo circonda, profondità e volontà di cambiare le proprie esistenze non sono qualità della massa… cosa mi si chiede? Cosa si pretende da me… che agisca, che parli!!
Lo faccio su questo sito, lo faccio scrivendo canzoni, e lo faccio litigando giornalmente solo con le persone a me vicine, le persone che non voglio perdere… degli altri non mi importa, non mi importa che la gente continui a votare Berlusconi o che riesca a farsi fottere dal consumismo e dalla civiltà delle immagini; non posso cambiare nulla da solo, al massimo posso indignarmi.
Queste mie parole saranno dimenticate la prossima partita… l’uomo ha smarrito il vero valore delle cose ed il mio pensiero debole non mi permette di essere ottimista; per questa ragione torno al qualunquismo.
Adios…

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Jesus Christ Cyberstar

Prossimo articolo

La musica grida aiuto

Le ultime da Diario

Una luce nel buio

Già… le ingiustizie, le cose che vanno storte per propria colpa… potrei impegnare il tempo pensando

Le scelte giuste

Di sicuro non sono il primo e non sarò neanche l’ultimo ad interrogarsi sulle proprie scelte,