Buon Natale e felice anno nuovo da Il Mondo di Art

1 minuto di lettura
Leggi

Com’è mia consuetudine, anche quest’anno in occasione del Natale e del Nuovo Anno, desidero porgere a tutti i miei più sinceri auguri.
Il 2014 è stato per la mia band RANDONE l’anno di Ultreia, per me e la mia compagna quello del terzo cammino a Santiago, ed ancora una volta ho la fortuna di passare la felice ricorrenza in compagnia dei miei affetti più cari… mi è successo di guardare fuori dalla finestra e può anche darsi che il mondo fuori non mi sia piaciuto granché, ma una cosa la so di sicuro, la mia casa è ancora qui e con essa tutto quello che mi preme di più.
La canzone che ho scritto in occasione del Natale del 2007, che trovate in testa a questo comunicato, ha per me un significato molto profondo utile a rinnovare la gioia di fare parte di quest’antica e bellissima favola ch’è la vita, ove la musica funge da antidoto ad ogni male.

Ed allora che sia per tutti un Natale sereno ed un 2015 strabiliante… :) in tutte le lingue del mondo:
Buon Natale ed un sereno anno nuovo!
Merry Christmas and a Happy New Year
¡Feliz Navidad y próspero año nuevo!
Joyeux Noël et bonne année
Hyvää joulua ja onnellista uutta vuotta
クリスマスと新年おめでとうございます
Prettige Kerstdagen en een gelukkig nieuw jaar
Gozhqq Keshmish – Hoesenestotse & Aa’eEmona’e
اجمل التهاني بمناسبة الميلاد و حلول السنة الجديدة

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

La cabra negra

Prossimo articolo

Review from Apostolis (Prog Archives)

Le ultime da Diario

Default thumbnail

Stato mentale

Questa notte Morfeo mi ha concesso 4 ore di oblio: lo ringrazio,

Default thumbnail

5 Marzo 2002

Non ho una percezione precisa e coerente di quello che mi sta