l’anno che ho perduto

1 minuto di lettura
Leggi

Un angelo con sottili righe nere sul volto
è venuto a trovarmi la scorsa notte
mi è mancato il respiro
e ho gridato inciampando sul corpo di un topo

Dal mio pigiama a righe
si alzano bolle di sapone
e sul letto si rotola felice
Zoe, che miagola qualcosa

E’ passata, questa notte bislacca
e quella parrucca bionda
con onde laterali sporgenti ed incerte
possiede la mia retina e così recito…

una litania:
per forte che tu sia
prendi un corvo e fuggi via
sul tuo corpo c’è del sale
zitto e nuota in alto mare
nella testa c’è una voce
ruba un carro e pure un bove
sotto i piedi chiodi aguzzi
corri lesto con gli struzzi
fino a che non sei arrivato
con la testa sotto a un prato

Ah, dolore mio che sali alto
e poi ti acquieti scivolando nel fiele
stammi accanto e fa che sia
libero di sentire con le ali al cuore

Una stanca espressione di lettere mutilate
mi spezza la vista
e dall’alto di un colle antico
piango per l’anno che ho perduto.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Com'è fatto l'amore romantico?

Prossimo articolo

Frankenweenie

Le ultime da Frammenti Notturni

Default thumbnail

Frammento

Sono sparuti pensieri che si posano alla sera sul mio cuore malato

vorrei fermare

vorrei fermare il tempo nei momenti più belli e sentire in eterno

Amici miei

Fratelli nel dolore compagni della sera così ubriachi ora lasciamo le folli