introspezione numero 6 (hai mistificato, e così mistifico anch’io)

13 Maggio 2012
1 minuto di lettura

Mistificare
i fasti e le trascorse gioie
è ciò che resta da fare
per annegare il dolore
nell’odore di corpi sconosciuti

come cani in una giostra di calori
il nero e così il bianco
tra i mille gradienti del grigio…
leggi bene
ho scritto calori
un sentire interiore
scomodato da lunghe astinenze

teneramente rimpiango
le ceneri di un’idea incantata
quanto la realtà non aveva peso
e saltavo la corda s’una trave sospesa nel vuoto
cogli occhi al cielo, sgombro dalle paure silenziose
e nella pancia la tensione di un marshmallow

Hai mistificato, e così mistifico anch’io
svuotando di senso ogni giorno
ora, minuto, secondo, frazione
infinitesimo, mese, anno
con te
perchè non resti alcun dolce ricordo
del bambino, che sporcava i suoi quaderni con le storie di Giorgino
del ragazzo, chiuso in casa a cullarsi coi suoni di altre anime
dell’uomo, che su ogni capello bianco passava il lucido da scarpe
del vecchio, che immagino chiuso in una vecchia baracca
con le mani a sostenere la malandata porta
per rimandare il più a lungo possibile
l’invasione dei calabroni

LAnguido DOlore ferisciMI,
SOLo un SIngolo REspiro
FAnculo L’Astro DOlente
dentro serbo il loro seme
da tempo
un banale quattro quarti
mentre ho davanti uno sconosciuto culo
a stuzzicare gl’infiocchettati sensi
nell’armonia di un movimento antico
che passa, si posa, per allungarsi
e ancora cadere, vigoroso
e poi dolce
mentre altre labbra si posano lascive
sulla bocca secca
ed un serpente s’insinua tra la gola

ah, gioia dei sensi annebbiati dallo spirito
avrei potuto ubriacare ogni donna nella stanza
col fetore alcolico del mio respiro
ma sono solo, con un vecchio giornaletto sulle gambe
mentre i miei gatti giocano con la testa del serpente

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Peter Gabriel: New Blood

Prossimo articolo

L’ultimo addio

Le ultime da Frammenti Notturni

Vuoto

E’ strano osservare il cielo il mare le montagne è strano contemplare le forme prime l’essenza del mondo e se i pensieri

Quando tu

Quando tu smetterai di voler riempire la tua coppa di felicità, ed inizierai a riempire quella degli altri, scoprirai, con meraviglia, che

Bambina

Laggiù, in fondo a quella strada c’é una grande casa grigia, con un giardino e un cancello arrugginito intorno; nel giardino ci

Spero un giorno…

Spero un giorno d’incontrarti per caso quando la leggera brezza del mattino porterà con sè il profumo della primavera mentre il nervoso
TornaSu