frammenti di viaggio

Mare
io faccio parte di te
Cielo
faccio parte di te
Sole
anche di te sono parte
.. ma queste lacrime
appartengono solo a me
e questa tristezza
mi rende uomo
……………………………..
Sinergie elettriche
confinano il tempo
altrove

l’energia cardiaca
è un alito glaciale
che mi attraversa da dentro

Apro gli occhi
senza che tu sia
nel mio cuore;
tra i miei pensieri
sospiro inerte
…………………………………
Energia generatrice
fonte di vita e piacere
hai deciso di lasciarmi
ed in questo vuoto annego

dei fiumi di passione
è rimasto solo
un debole ricordo
una spina nel mio cuore prosciugato

La poesia non mi consola
urla vittima, scomponi i tuoi sensi
parlare è osare troppo
il silenzio chiarisce ogni cosa

Nel fluire dei miei pensieri
uno solo attende
le conquiste degli altri
sono le mie sconfitte
taccio in silenzio le sciagurate colpe.

Fantasmi ancora mi assalgono
di cenci veste la mia passione
costretta al silenzio
da un muro di impotente stasi

Percorse le vie di questo tempo
mi scopro arido
di dentro
e prendo a calci la mia mente
rea dei troppi inutili fraintendimenti

Circondato da infiniti misteri
cedo all’insonnia
mi scopro e mi vergogno
ho così tanti sentimenti veri
e così pochi strumenti

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

l’arrivo della sera

Prossimo articolo

8 ottobre 2007

Le ultime da Frammenti Notturni

Sfogo

Vorrei poterti parlare di me stupido uomo, amante egoista per strapparti quella corazza di superficialità unica

La strada

strada lacerata dalle ruote dei viandanti fiera e solitaria ti tuffi tra le valli ti arrampichi

Luce ed ombra

Ci sono strani messaggi nel buio stasera Colleriche mistificazioni d’ingenue classificazioni C’è una luce una nave