Piccolo stelo, ti strozzeranno prima o poi
prima i vermi, poi gli uomini
e non vedrai altro che lombrichi d’alluminio
e libellule d’amianto.

Non mandare i tuoi morti
a succhiarci la linfa vitale
perché quando si scatenerà il fortunale
i tamburi suoneranno all’impazzata
da allora tutti avremo grossi problemi da risolvere
da allora nessuno terrà più ad essere sé stesso
da allora vivrà la solitudine solo chi è ipocrita
da allora glorie e onori spetteranno a chi è onesto

ed io… nel fango

Soffoco in questo fango
c’è troppo silenzio innaturale quaggiù
le pareti sono lisce e scivolose
ed io sprofondo, sprofondo nel fango

guardali gli onesti, come se la spassano
ed io sprofondo, sprofondo nel fango
le orecchie mi si tappano presto
non odo ma sento
sento l’umido, sento l’arido

e loro… in paradiso

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tempo

Prossimo articolo

Silenzio

Le ultime da Frammenti Notturni

errori

Soffiato tra i venti il ricordo passato di attimi intensi perduti nel cielo Ho voluto sentire

Agonia

Morire come le allodole assetatesul miraggio O come la quagliapassato il marenei primi cespugliperché di volarenon

202

non è niente…non è niente…si sta benesi sta bene…passato presentesi fonde con il nienteche non èche

pensiero

lasciarla ancora è stato come non essere mai tornati insieme; eppure, aggiungo, non ho memoria di

La giostra

Tanti cavallini di plastica Stanno girando intorno Ancorati ad una vecchia struttura ovale Ormai logorata dal