Default thumbnail

4 Novembre 1995 Sabato ore 8:47

1 minuto di lettura
Leggi

La prima mattinata è il momento della giornata in cui troppo difficile mi pare condizionarmi perché dimentichi i momenti passati insieme, sarà che mi sto sforzando giorno per giorno per non restare mai solo con me stesso, sarà il fatto che mi sto alienando nel lavoro per allontanare la nostalgia e la tristezza che in prima mattinata, all’alba del nuovo giorno, mi assalgono ferocemente. Sento di essere cambiato, questa tragedia, che agli occhi di chi ha ben altro tipo di problemi potrebbe sembrare un’inezia, mi ha reso più strafottente… non conto più i giorni ma vivo alla giornata senza curarmi del futuro e di come potrei godere ancora di quegli splendidi momenti. Non mi interessa, sto raggiungendo la felicità puntando in altri settori, ma quando non mi trovo impegnato annichilisco nella malinconia trascinato da un desiderio impotente di rimediare alla situazione. La mia razionalità mi ha costretto ad accettare l’amara verità, la chimica sta provvedendo a renderla giorno per giorno sempre meno amara, adesso è solo il momento di pazientare. Salvo C.. mi è stato di grande aiuto, ieri sera ha rievocato le sue vicissitudini con Veronica e in molti punti del suo discorso mi ci sono identificato. Il tempo guarisce le ferite, adesso devo solo dimenticare la sofferenza.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Default thumbnail
Articolo precedente

3 Novembre 1995 Venerdì ore 14:00

Default thumbnail
Prossimo articolo

7 Novembre 1995 Martedì ore 22:30

Le ultime da Diario

Default thumbnail

Ricordi

Ricordi: fluttuano nella testa e mi fanno sentire vuoto, inutile, perso in