o mio signore

13 Settembre 2003
1 minuto di lettura

o mio signore
che triste te ne stai
su nel cielo
a mirar
le rose e il fango
ed il mio viso serio

mia luce e speranza
nelle giornate grigie
di questa difficile esistenza
mia salvezza e gioia
nelle ore buie
di cui prendo coscienza

tu che sai
tu che vedi
e puoi cambiare
le cose
ed il futuro
della gente

non ti accorgi
delle nostre miserie
delle nostre spine
non stiamo bene

non ti importa
del male
nell’anima dell’uomo
sentiero infame
che contamina
il buono

non te ne frega proprio un kazzo
di noi che stiamo qua
costretti da cosa non si sa
a vivere una vita
che non abbiamo chiesto
a vivere l’amore
che ci uccide dentro
a vivere per cosa…
per un bacio o una carezza
o un sogno di gloria
che muta in amarezza

voglio perdermi
nello spazio
e lasciare quei ricordi
a fluttuare nello strazio
di una mente
senza corpo
senza luce

ti chiedo…
solo un gesto
di divina umanità
che a questa vita
mi possa strappar

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

ed accolgo il nuovo

Prossimo articolo

vorrei fermare

Le ultime da Frammenti Notturni

Pensiero di S. Veneziano

Ho raccolto più che una prova della condanna cui mi sto piegando senza più lacrime da versare nè parole dolci con cui

La giostra

Tanti cavallini di plastica Stanno girando intorno Ancorati ad una vecchia struttura ovale Ormai logorata dal tempo Gira la giostra ed io

nuvole

tra le nuvolel’odoredi una notteingenuache accompagnai miei sospiri

haiku

Penso che oltre il confine del conformismo possa esserci solo disagio e disperazione
TornaSu