Martedì 23 Ottobre 2001

23 Ottobre 2001
1 minuto di lettura

Ieri sono stato folle, folle come un innamorato cieco davanti alla realtà delle cose. L’ho chiamata a mezzanotte, sono stato folle, le ho detto che volevo vivere per sempre con lei, che l’avrei sposata. E lei, insisteva ancora con la sua libertà… ma perché mai questa libertà prima di ogni cosa, prima di me… poi la promessa che ci avrebbe pensato… tutta la notte ho riflettuto su questo, se fosse giusto per me principalmente aver ceduto così bruscamente solo perchè la vita senza di lei è un inferno… in fondo lo dicono tutti, le delusioni d’amore sono così: all’inizio lei ti sembra l’unica ma pian piano l’amore va via e non resta più niente.

Adesso sto ancora male, le parlerò lo stesso anche se sono molto pessimista… spero che Dio mi stia accanto anche se i maledetti dubbi sulla sua esistenza mi impediscono di apprezzarne appieno il conforto.

Adesso comunque capisco come doveva sentirsi lei quando le dicevo che forse non l’amavo, che avevo bisogno di tempo. Quando senza batter ciglio mi sono portato via le cose da casa mentre lei piangeva chiusa in camera da letto, quando l’ho lasciata sola per due giorni a piangere disperatamente. Non si riesce mai a capire veramente il dolore degli altri quando non lo si prova su se stessi. Se l’umanità soffrisse di più forse ci si aiuterebbe maggiormente.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Lunedì 22 Ottobre 2001

Prossimo articolo

Giovedì 25 Ottobre 2001

Le ultime da Diario

Estratto da miches.it

quando pensavo di aver trovato tutto… la vita ti spalanca la porta dei sogni e ti ricorda che devi lasciar perdere di

Montella Sabato 10 Novembre

Notte orrenda, notte burrascosa, notte di riflessioni trascinate dai sogni più dolci che al risveglio ti lasciano solo l’amaro della loro irrealtà.

Hasta la vista, Diego

Sono passati poco più di 7 anni da quando ho concluso la mia prima bellissima esperienza di cammino a piedi sulla Via

Sui sogni che sopravvivono

E’ da tanto che non scrivo di me: troppi impegni mentali, troppa stanchezza… le difficoltà nel mantenere vivi i sogni sembrano a
TornaSu