Placeholder Photo

Malinconia notturna

A poco a poco,
il dorato ricordo del sole
ormai tramontato
svanisce dal cuore delle fredde e malinconiche nuvole.

Silenziosi
come bambini tristi,
gli uccelli hanno smesso di cantare
e solamente il verso querulo della gallinella d’acqua
e il gracchiare rauco della pernice
turbano la quiete piena di timori intorno al letto del fiume,
ove il giorno morente esala l’ultimo respiro.

Dai boschi bui lungo ciascuna riva,
l’esercito spettrale della notte,
le tetre ombre,
avanza furtivo a passi felpati
per scacciare l’indugiante retroguardia della luce
e procede su piedi invisibili
e senza rumore
sulle ondeggianti erbe del fiume
e attraverso il mormorio dei canneti;

e la Notte,
assisa su un trono tenebroso
chiude tra le ali nere
il mondo che va sempre più incupendosi
e dal suo fantomatico palazzo
illuminato dalla pallide stelle
regna in silenzio.

da “Tre uomini in barca”
di Jerome Klapka Jerome
su segnalazione di mio fratello Gianco

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Il viaggio dell'eroe

Prossimo articolo

intuito

Le ultime da Frammenti Notturni

Morte

Sono notti come queste che mi chiedo perché esistere… perché non lasciarsi morire. In notti come

Luna, astro lucente

Luna, astro lucente dimmi qualcosa ti ho appena cantato una canzone ma, aspetta ho il bimbo

Zero

Mi fermo sosta di un viaggio acido sopra un fiume di fumo arguni scendono in picchiata

Morte di una stella

a Vincent Migliorisi Non so da dove, né da quando… credo di essere sospesa dal tempo,