Default thumbnail
/

Alberto Nucci – from Arlequins

1 minuto di lettura
Leggi

Bello. Quest’artista siciliano si è autoprodotto un disco contenente 9 canzoni di Prog cantautoriale di ottima fattura, godibile musicalmente e ben realizzato. Non si tratta di Prog canonico come detto ma, a parte un paio di episodi, si tratta di musica dalle armonie e dalle orchestrazioni molto sinfoniche, pregna di atmosfere catartiche, talvolta spaziali. Pochissime le concessioni allo easy listening o al pop più mainstream (il massimo del minomo è rappresentato dal reggae di “Il pentimento di Dio”), comunque inserite in un contesto in cui ogni brano sembra svilupparsi quasi naturalmente nel successivo, fino alla conclusiva title-track, sconclusionatissima (non è inteso in senso negativo). Il cantato è molto potente ed enfatico, un po’ cantautoriale ma senza esagerare, a volte molto istrionico ma gradevole. Il tono generale non sfigura se paragonato a produzioni meno avanguardistiche del pop italiano dei ‘70s; certamente il lato creativo della musica, la ricerca di soluzioni non convenzionali e l’utilizzo di effetti sonori particolari, predomina alla fine nei confronti del lato cantautoriale, con cui tuttavia si sposa ottimamente. Un bel disco alla fin fine; qualche caduta qua e là non inficiano certamente il valore di un’opera molto creativa e ben realizzata, con liriche tutt’altro che banali e un’atmosfera generale di buon effetto.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Default thumbnail
Articolo precedente

Il copione

Default thumbnail
Prossimo articolo

Untitled

Le ultime da Morte di un amore Review