Lamenti

11 Luglio 1996
1 minuto di lettura

Che disgrazia… ho orrore dei ricordi
Che angoscia… ho paura del futuro
Che malinconia… sto ancora pensando a lei
Che rabbia… penso a quello che mi ha fatto
Che ridere… faccio dell’ironia
Che delusione… le giornate non finiscono come vorrei
Che disperazione… sono ancora solo a casa
Che contraddizione… ho promesso che l’avrei amata per sempre
Che follia… qualsiasi cosa faccia per dimenticarla è vana
Mi emargino, mi isolo
canto alle stelle il mio amore deluso.
Mi diverte fare il buffone
per un attimo riesco davvero ad entrare nella parte.
Mi sento solo, sono un drogato
passate un altro po’ di quella roba.
Lamenti, solo lamenti
parole idiote… appendetemi a qualcosa,
ingaggio un killer, mi faccio fare fuori.
Ha ha, la vita è stupida
Ha ha, l’amore è per i fessi
Non perdi mai il vizio di far soffrire le persone…
occhi semichiusi, sguardo triste e assente
mi aspetto che provi pietà… tutto inutile.
Sono un idiota che perde tempo a consolarsi con le parole.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

RICADUTA

Prossimo articolo

E non più…

Le ultime da Frammenti Notturni

Limiti

In simmetria perfetta  fra di  loro punti luminosi squarci nel vuoto cascano sui miei occhi e come fuliggine li privano della vista

Amore

Vola il mio cuore in cima al monte più alto del mondo dove ogni uomo può pensarla come vuole e con orecchie

L’abisso

oggi, fors’anche ieri, ad un passo dal dirti: ho ancora voglia di tentaremi fermo sulla soglia di questi pensieri e scorgo un

ciò che resta

ciò che resta è uno sguardo una carezza ed un sorriso ciò che resta è la sua luce le sue braccia strette

era qualche tempo fa…

Era qualche tempo fa parlavamo tanto e davanti a noi si disegnavano le strade della fantasia: talvolta era un uomo delle nevi
TornaSu