Il mio cuore vola sopra le mie montagne

14 Aprile 1998
1 minuto di lettura

Il mio cuore vola sopra le mie montagne
e quel ruscello laggiù
mi pare che trascini anime di poveri disgraziati
anime che si confondono con vermi
vermi che si spacciano per anime
quando il cuore grida
che ha bisogno d’amore

l’amore, che cosa stupida
come vorrei non doverlo subire
come vorrei essere insensibile
in queste notti
quando
per troppo odio lo uccido
quando
torno a casa solo
solo con un cane che mi abbaia dietro
solo perché cerco un viso che non c’è

Sono sbagliato, lo so
e sovente vengo frainteso
e non voglio con questo dire
che qualcuno, è stupido
puzzo troppo, di paura
gelida, celata paura
se non puoi liberarmene
uccidimi, dio
prima che io uccida te
per sempre

E’ uno strazio, ogni sera
costringermi a servire
uno sporco gioco
d’amore e di passione

ma di solitudine
è morto mai qualcuno?
Si, ciao

La mia chitarra
giù nella vallata
suona da sé

un canto di digiuno
la poesia è spezzata
il morbo mi ha raggiunto
produco solo inezie adesso
vivo solo momenti balordi adesso
non sono mai stato tanto solo
come adesso, che muoio

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

La fine del mondo

Prossimo articolo

Pensieri Brevi

Le ultime da Frammenti Notturni

Donna mia

si uccidono fra loro pazzi ed inconcludenti i pensieri cozzano contro il petto e si frantumano volteggiando come coriandoli al vento colpito,

RICADUTA

Mi è sempre più difficile trovare dentro me il polo giusto, una via sufficientemente valida; perché non so se ci sono ancora

So close, so far away

C’è uno strano profumo che posa il suo velo sul castello acitano: ti ho sognata so close, so far away mentre le

dentro la pancia

Sono giorni freddi, pause infinite odori che chiamano colori rifiuti spacciati per inviti lutti elaborati, per mille volte ancora e non c’è

Il sasso

Colori, luci Immagini suoni Penetrano nella corteccia Giocano con la mia testa Sogni infantili persi in qualche angolo di memoria ed io
TornaSu