Il mio cuore vola sopra le mie montagne

Il mio cuore vola sopra le mie montagne
e quel ruscello laggiù
mi pare che trascini anime di poveri disgraziati
anime che si confondono con vermi
vermi che si spacciano per anime
quando il cuore grida
che ha bisogno d’amore

l’amore, che cosa stupida
come vorrei non doverlo subire
come vorrei essere insensibile
in queste notti
quando
per troppo odio lo uccido
quando
torno a casa solo
solo con un cane che mi abbaia dietro
solo perché cerco un viso che non c’è

Sono sbagliato, lo so
e sovente vengo frainteso
e non voglio con questo dire
che qualcuno, è stupido
puzzo troppo, di paura
gelida, celata paura
se non puoi liberarmene
uccidimi, dio
prima che io uccida te
per sempre

E’ uno strazio, ogni sera
costringermi a servire
uno sporco gioco
d’amore e di passione

ma di solitudine
è morto mai qualcuno?
Si, ciao

La mia chitarra
giù nella vallata
suona da sé

un canto di digiuno
la poesia è spezzata
il morbo mi ha raggiunto
produco solo inezie adesso
vivo solo momenti balordi adesso
non sono mai stato tanto solo
come adesso, che muoio

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

La fine del mondo

Prossimo articolo

Pensieri Brevi

Le ultime da Frammenti Notturni

Condizioni

Se il mio destino vuole che possa godere solo della tua amicizia allora mi abbasserò a

E non più…

E’ bello sapere che qualcuno sta pensandoti è straordinario sentire qualcuno vivere dentro te. Sento una

L’amore vero

E’ quello l’amore vero l’amore che non chiede l’amore che non dà ma che si può

alone

c’è il solito alone intorno alla luna sento dentro la forza vibrante di una decisione una

frammento

è la notte inconsapevole portatrice di frammenti impazziti senza memoria