Sogno nella scalazza

1 minuto di lettura
Leggi

Atavico senso di appartenenza
disgiunto da ciò che l’occhio coglie;
eccolo, signori, l’affetto.

Egli si maschera bene
contempla fenici risorte dalle ceneri
che pur disdicevoli
si arrendono all’evidenza
di un peccato primo: la noia

Ed io, morto che cammina
lungo le pietre sconnesse della scalazza
getto nell’abisso
il corpo del ladro
asciugando le tue lacrime
ed accarezzando i lividi sul tuo corpo

sei la mia passione, hai il mio cuore
e nulla potrà scalfire
la tua immagine ideale
quando, sognando, compongo per te
la mia canzone più bella

Danzano, ubriachi
gli attori del sabato sera:
persone dai capelli bianchi
con giacche eleganti e sguardi vincenti
quando nel mentre una donna dalle taglie abbondanti
si trascina sulla terra rossa di un paese rinnovato
cantando e danzando
ed infilando la lingua nella prima bocca maleodorante che vi schiude le labbra

Ed io, zombie agonizzante
barcollo sopra cespugli di lassini
soffocando la paura
che l’uomo Energia scopra il mio piccolo dispetto
mentre ti tengo per mano
accompagnandoti sulla strada del mio sogno
dove la fine è ciò ch’è stato.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Magritte

Prossimo articolo

introspezione numero 11 (perchè, nonostante il tempo...)

Le ultime da Frammenti Notturni

Default thumbnail

In aiuto

Continuo a girare in un vortice di strane sfere colorate ho caldo

Default thumbnail

insonnia

Adesso vorrei tanto averti tra le mie braccia stringerti forte e sentire

Lamenti

Che disgrazia… ho orrore dei ricordi Che angoscia… ho paura del futuro