Placeholder Photo

Per la gente del kazzo

ok me ne sbatto, stasera mi va di scrivere quello che veramente penso di questo kazzo di mondo e soprattutto della gente di merda che lo popola. Non sono un frustrato, nè un orfano (nel senso psicanalitico), sono solo uno come tanti che ha preso delusioni di ogni tipo da amici, fidanzate superinnamorate, e gente del kazzo di vario tipo.
Di solito me ne sto buono e risolvo i miei kazzi senza parlarne troppo in giro, mando a quel paese la gente che mi fa star male e riesco ad odiare chi ho amato profondamente, però è giusto informare coloro che sanno di essere spregevoli figli di puttana e si nascondono dietro frasi del tipo: il buonismo è una debolezza, nel mondo tutti te la vogliono inculare quindi devi proteggerti… e così discorrendo.
Che dire poi delle donne, come katz si fa ad innamorarsi sempre di quelle sbagliate, di quelle donne che dopo 10 anni ti dicono che il sesso diventa marginale, che tu sei un maniaco, quelle che poi ti mollano e vanno a fare le troie in giro senza pudore, senza un kazzo di vergogna per la loro vita di merda, una vita che quando stavi con loro non ti è mai appartenuta ma che per troppo tempo ti è sembrata la migliore… sono strastufo di amici che si trombano le tue ex e ti dicono: io però sono onesto, te lo dico… o di quelli che, dopo anni di ricordi e di esperienze condivise non te lo dicono neppure e che, nella loro deprecabile cafoneria, prima di sparire per altri decenni, hanno il coraggio di chiamarti per chiederti dei soldi che gli devi; kazzi e mazzi in testa a tutti i rottinculo del mondo, voglio solo dirvi una cosa: il male torna sempre su chi lo fa, e da voi è già arrivato. Siete stanchi, tristi e non trovate il senso della vostra vita (forse perchè la verità è che non avete senso voi stessi).
Alle donne poi un’altra cosa: tra una decina d’anni potrete sperare di fare pompini ai maniaci veri e non alle persone che vi hanno amato sul serio e che non siete stato in grado di tenervi… fanculo a tutta ‘sta gente di merda.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

6 Commenti

  1. Io ancora non ci credo che esiste al mondo una persona, uomo o donna, che non sia “squallida” e che sia “speciale”. No, proprio no. Prima o poi tutti sbagliano.
    Anche io ho fatto delle stronzate (mai con gli uomini, sono sempre stati loro a farle a ME), ma in generale ho sempre dato il 1000% per ricevere nient’altro che cattiverie.
    Che ti devo dire? Evitiamo semplicemente di banalizzare dando la colpa ad un sesso piuttosto che ad un altro. Ognuno ha le sue colpe, anche tu, anche io, solo che c’è gente più stronza/squallida e meno stronza/squallida: forse io e te rientriamo nella seconda categoria (e ce la prendiamo sempre in quel posto).

  2. Ciao Razor
    Non so cosa tu intenda col discorso dell’età, cerca di essere più chiaro ed esplica almeno le ragioni del tuo pensiero. Ti ringrazio per i complimenti riguardo il sito ma francamente non me la sento di fare altrettanto con il tuo commento… ognuno di noi a volte vive dei momenti particolari in cui sente il bisogno di mandare a quel paese il mondo intero, altre se ne sbatte semplicemente… da parte mia ritengo che bisogna semplicemente essere un attimo più empatici nei confronti di chi sta male e cercare la strada della tolleranza anzichè criticare quegli atti esasperati che magari ti troverai a dover fare anche tu, un giorno, quando ti senti pugnalato alle spalle.
    Un caro saluto

  3. Caro Amico, non sono bravo come te a lasciare che la cattiveria degli altri mi scivoli addosso come miele profumato, la devo prima metabolizzare, farla ribollire dentro e gridarla al vento con tutta la forza che ho in gola: lo faccio in una canzone, lo faccio strillando delle cose terribili in faccia ad un amico, lo faccio sparando a zero su tutte le persone che mi deludono ma, ecco il punto, la cosa importante è che niente e nessuno deve fare del male alle persone cui voglio bene, me compreso (anche se entro dei limiti molto larghi).
    Grazie del tuo affettuoso commento, credimi se ti dico che ha scacciato molta turbolenza nel mio cuore, di questi tempi sulla soglia del collasso.
    Non sono bravo ad esprimere le mie emozioni verso gli amici, non lo sono mai stato (forse perchè ho sempre avuto paura delle delusioni), però stai tranquillo che ogni parola ha meritato più di un grazie sincero e questa sera, nel mio letto, dormirò sogni più tranquilli.
    Hai ragione, le persone sane ci sono ancora, e credo che già da adesso abbiamo gli occhi ed il cuore per saperle riconoscere.
    Buona notte fratello mio.
    Nicola

  4. sappiamo entrambi cosa si prova, ,sai che per te ho un grande rispetto e un gran affetto ,ma le situazioni che ci feriscono a volte sono solo superficiali e tendiamo noi a ingigantirle, questo se da una parte ti da nuova linfa per la musica dall’altra ti toglie la giusta serenità di valutazione…. siamo nella stessa barca socio e a volte è piccola e puzzolente ma se la guardi con altri occhi potrebbe diventare un bel veliero..la gente delude è vero, ma è vero anche che tanta gente non lo fa , ridare o ridarle fiducia rimane una gran prova..e non è detto che sia fatica sprecata..basta solo avere il coraggio di capire chi se la merita e chi (e ce ne sono lo so..)giustamente non lo merita piu. non ti fare carico dei miei dolori..sei bravissimo a caricarti gia i tuoi
    ti voglio bene
    Fabio

  5. nico, non fare l’errore di generalizzare e credere che al mondo ci sia solo gente squallida, sbaglieresti tanto…. prova a cambiare ambiente, non frequentare più i soliti giri, guardati intorno e vedrai che le persone speciali ci sono ancora
    saluti dalla tua sempre amica nicky

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

non capisco + un kazzo di niente

Prossimo articolo

la zingara pt. 2 true version

Le ultime da Diario

Il cantico della creazione

Dove la diversità necessita dell’uguaglianza per riconoscersi ed amarsi di Giovanni Salonia L’intrigo delle diversità Un

Relazioni di Salvezza

di Giovanni Salonia Sette situazioni esistenziali in cui sperimentiamo la salvezza donataci dall’altro Premessa Sembra quasi