Non c’è più…

16 Aprile 2012
1 minuto di lettura

Ciao,
è il movimento del violino
quello che devi ascoltare
quando il piano elettrico si scontra con la quinta,

tutto decade teneramente
in un reverbero dissonante:
è la vita, di essa è parte anche la morte

Non c’è più…
le armoniche del tuo respiro
il movimento del petto sulla mia mano
il calore sulla fronte
la furia selvaggia nel tuo viso
… non c’è più, il suo cuore ha cessato di battere

…ed il carico del peso di un’anima che mi è passata accanto
mi ha spinto a chiedere un piccolo aiuto
alla persona che amavo, alla persona che amo
ma… non c’è più
il suo è solo un ricordo
ed il resto è una delusione che, incredula, brucia ancora

Ho raccolto la tua mano
il tocco di un rimshot mi ha portato al sicuro
il piano suona un intervallo di ottava
fino alle tue parole dai toni di un antico guerriero:
guarda innanzi a te, il passato decade come ogni accordo sospeso
ciò che sarà, è segnato da due colpi di cassa
e da quarti sul charlie aperto

Nonno a te affido le mie paure
perchè tu possa piegarle con la tua volontà indomabile;
nonno in te ripongo questo dolore
perchè voglio continuare a credere di poterti rivedere ancora
…in tutto ciò che è,

in tutto ciò che da sempre mi avvolge.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Nessuno può vedere una lanterna spenta nel buio

Prossimo articolo

The Wall: Nobody Home

Le ultime da Frammenti Notturni

Ripescato dal blog

Non ho una percezione precisa e coerente di quello che mi sta accadendo: rabbia, confusione, angoscia e dolore sono gli elementi che

Dialogo di notte n°2

Ma ciò che hai detto prima quando hai finito il foglio non resterà, nessuno ricorderà ciò che hai detto tu fra mille

Sbagliato o diverso?

Dalla pietra calcarea sorge una figura qualcuno seduto su una panca segue col capo il ritmo della musica è un uomo come

ciò che resta

ciò che resta è uno sguardo una carezza ed un sorriso ciò che resta è la sua luce le sue braccia strette

Visioni

I Dentro la grotta Un sole anarchico Invadeva Quella linfa cupa Dai mille tentacoli incandescenti II Urla, grida plasma il suono silenzioso
TornaSu