Lo Specchio

13 Gennaio 1997
1 minuto di lettura

Tutte le volte che torno a casa
Trovo il mio specchio
Non posso evitarlo
Gli passo davanti ogni sera

Non posso farci niente
Ho bisogno di salutarmi
Per sentirmi meno solo
Ho bisogno di dirmi Qualcosa che non va?
E poi ridere, ridere di me

Tutte le volte che torno a casa
So che qualcuno sta aspettandomi
E quel qualcuno ha la mia stessa faccia
Ogni volta, fa i miei stessi movimenti
Quel qualcuno lo amo, lo amo più di quanto ami me stesso

Non riesco ad evitarlo
Tutte le volte che lo incontro
Mi sorride
E lo fa insieme a me
Nello stesso attimo

Tutte le volte che piango
Lui piange con me
E quando lo consolo
Lui consola me
E poi, tutti e due ridiamo
E lo facciamo insieme
Nello stesso attimo

Non riuscirei ad ignorarlo
Senza sentirmi ignorato anch’io
Quando torno a casa
Lui sente quello che sento io
Ci facciamo le smorfie
Ammiro il suo tempismo

Questa sera ho fatto lo stesso
Ma non l’ho visto
E mi sono disperato
Ho pianto
Da solo
Ho riso
Da solo
L’hanno rotto
L’hanno rotto
E i cocci in terra
Riflettono mille parti distorte di me

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

L’immagine di dio

Prossimo articolo

Tempo

Le ultime da Frammenti Notturni

le mie canzoni

le mie canzonisono aliti di vitariassunti dall’anima:vibrazioni immortalid’emozioni le mie canzonisono cateneforgiate dall’invisibile:gemiti di un cuorediviso a metà Le mie canzonisono luciche

Conseguenze drammatiche

“I tuoi occhi sono come due smeraldi incastonati nel marmo, la tua fronte è alta e levigata come quella di una statua

NLX

Ordino alle mie ginocchia di incrociarsi ma loro lo fanno molto lentamente come le lancette di un orologio, l’aria profuma di fresco

fuoco

il fuoco brucia lo sanno anche i bambini perseguita i dannati si porta via i vecchi svuota i cuori degli adulti fuoco

untitled

mi passi la gomma dalle labbra ed è cattivo il sapore corro in mutante e magliettina nel locale più IN gli animali
TornaSu