Un film a tratti disturbante, poetico, esistenzialista, visionario, credo si tratti di una di quelle opere che o ti fanno impazzire a primo sguardo o molli dopo il primo quarto d’ora imprecando contro la tendenza di questi tempi a mischiare l’horror con la poesia.

Beh, io l’ho trovato geniale, tral’altro l’interprete principale mi aveva già favorevolmente colpito in Across the Universe anche se qui recita un ruolo molto diverso.

Sono rare le volte in cui un film, alla fine, mi commuove… succede quando la storia è struggente, quando c’è sentimento e cuore (non miele naturalmente), ma anche quando hai la sensazione di imparare qualcosa.

Come è mio solito non anticipo altro perchè è giusto che possiate gustare questo film senza alcuna idea di ciò che vi aspetta.

Alla prossima

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

arcane beatiful from Prog Archives

Prossimo articolo

Hans Ravensbergen from ProgWereld

Le ultime da Arti dell'uomo

Relazioni di Salvezza

di Giovanni Salonia Sette situazioni esistenziali in cui sperimentiamo la salvezza donataci dall’altro Premessa Sembra quasi

Il cantico della creazione

Dove la diversità necessita dell’uguaglianza per riconoscersi ed amarsi di Giovanni Salonia L’intrigo delle diversità Un