/

Jeff Buckley – Hallelujah played by Nicola Randone

Ne ho già parlato, ho segnalato un video, adesso vi lascio il mio tributo a Jeff Buckley.

Il video è stato registrato e montato nella notte tra il 23 e il 24 Maggio… un grazie speciale a Mirko per le riprese e Federica per l’entusiasmo… è stata una bella serata

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

15 Commenti

  1. Accento a parte, che comunque non e’ poi cosi’ male, la voce e’ impressionante come l’interpretazione. complimenti davvero!

  2. mi scuso per l’accento maccheronico ma ahimè non sono nato in inghilterra e anche barcamenandomi discretamente con l’inglese non credo che riuscirò mai ad avere l’accento di un vero madrelingua… così come ho aggiunto nelle note questo video è nato da una serata con amici e non ha alcuna pretesa se non quella di un mio personale tributo a jeff con quello che posso fare… riguardo il video di risposta che c’entra la modestia scusa? …

  3. appena sentita quella di jeff e poi questa versione (come video di risposta, evviva la modestia!)… scusa ma secondo me è pessima, a parte l’accento maccheronico, in alcune parti sembra che stai a cantà la messa, amen.

  4. Molto bella.

    Non penso che sia simile alla versione di Jeff Buckley, però, quindi perché non mettere nel titolo Leonard Cohen invece di Jeff Buckley?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

New solo album by N.Randone

Prossimo articolo

"Apologia" della vigliaccheria

Le ultime da Arti dell'uomo

The Wall: Young Lust

Ancora una volta Pink sembra mettere in atto quel desiderio d'autonomia in forma di dispetto verso

Let’s talk about me

Un divertente videoclip di una delle band che hanno confortato la mia adolescenza inquieta: The Alan