Placeholder Photo

il silenzio del tempo

Ci sono certi giorni in cui il silenzio del tempo mi scaraventa addosso esperienze emotive tutt’altro che piacevoli: senso di vuoto accompagnato dalla malaugurata e struggente voglia di non fare assolutamente nulla, di lanciarmi in strada e salutare tutti quelli che mi capita di incontrare, poi andare al pub, scambiare quattro chiacchere con Giannuzzo, incamerare due spumeggianti birre scure da mezzo litro, e vagare ancora per la notturna Ibla, cercando la solitudine, senza chiedermi che ore sono, e tanto meno pensare alle consegne di domani, a cosa mi resta da fare per il nuovo album, a quando potrò stringere di nuovo tra le braccia la donna che amo.

Nel silenzio del tempo
si diffonde un desiderio
un cesto intrecciato di speranza
raccoglie il mio cuore
l’anima,
i mille pensieri

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

5 Commenti

  1. Leggo il commento che ho lasciato ad ottobre. Quante cose sono cambiate da allora…adesso sto bene, sono serena e ho trovato la forza per guardare avanti.
    Ciao!

  2. Il senso del vuoto lo sento spesso anch’io. E’ una brutta sensazione, mi fa sentire apatica, sospesa e nello stesso tempo in attesa di un cambiamento che non arriverà mai se non sarò io a cercarlo. Ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

aspirina e malinconia

Prossimo articolo

dio è sceso a fare un bagno ad Acicastello

Le ultime da Diario

Lettera alla mia sposa

Mia adorabile sposa, oggi ricorre l’anniversario della promessa più impegnativa che due persone possano reciprocamente scambiarsi

tempi

Ci sono dei tempi per ogni cosa. C’è un tempo per pensare ed un tempo per

Io non so più…

Io non so più cosa pensare del mondo. Se rassegnarmi davvero all’idea che le cose vadano